Tuesday, 12 December 2017 - 16:15

70mila euro per l’ex distretto militare di Belluno, sede dell’Ana, sala polivalente, magazzino protezione civile e centro emergenze

Nov 22nd, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Distretto militare 290x217Una sede tutta nuova e dalla duplice valenza per gli alpini dell’Ana Belluno: da un lato sala polivalente, dall’altro magazzino per i mezzi di protezione civile e centro per le emergenze. Il sogno delle penne nere bellunesi sta per diventare realtà dopo che la giunta regionale – su proposta dell’assessore Massimo Giorgetti – ha stanziato 70 mila euro per la ristrutturazione di parte dei locali dell’ex distretto militare alla caserma Tasso di piazza Piloni a Belluno.

Ad annunciare l’erogazione dell’atteso contributo è il consigliere regionale Dario Bond che nel maggio scorso aveva effettuato un sopralluogo nella struttura accompagnato, tra gli altri, dal presidente emerito dell’Ana Arrigo Cadore e dall’attuale presidente Angelo Dal Borgo.

“I lavori stanno andando avanti grazie al lavoro di decine di volontari che stanno riqualificando un’area che per Belluno ha un grande significato”, rimarca Bond. “La Regione, nonostante le difficoltà economiche del momento, non poteva non fare parte di questa partita. Il nuovo distretto avrà una grande valenza sia socio-culturale che per la prevenzione e le emergenze sul territorio, non solo quelle del comune di Belluno. Nel Cinquantenario del Vajont è un segnale di attenzione per la nostra realtà”.

Il nuovo centro potrà contare anche su una cucina in arrivo nei prossimi giorni e che farà da supporto, nel caso di emergenze, al campo-base allestito nel vicino parco Città di Bologna, come spiega anche il presidente emerito Cadore: “Siamo davvero soddisfatti. Questo contributo ci dà la spinta decisiva per ultimare i lavori e consegnare l’opera alla città per la prossima primavera”.

I lavori – finora svolti – sono stati fatti in economia grazie all’abnegazione di tanti volontari che hanno donato qualcosa come 7000 ore. Grazie al nostro lavoro e alla nostra determinazione abbiamo ridato nuova vita a un immobile dello Stato che rischiava una inesorabile decadenza. E’ un valore aggiunto per l’intera comunità bellunese”.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Marchette.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.