Sunday, 17 December 2017 - 00:28

Da Belluno, il casinò è vicino

Nov 20th, 2013 | By | Category: Pausa Caffè, Pubbliredazionali, Società, Istituzioni

Quando chi non è propriamente del mestiere immagina una partita di poker di solito pensa a due tipici scenari. Il primo è quello classico della saletta buia ricavata dallo scantinato di qualche locale ambiguo dove ambigui giocatori puntano grosse pile di banconote fumando sigari di qualità e sorseggiando cognac come se fosse acqua frizzante.

bond casino-royaleL’altro scenario, sicuramente più glamour e chic, è quello del casinò: complici le innumerevoli pellicole cinematografiche che tutti abbiamo visto – una tra tutti, la serie dei film di James Bond – si fa a fatica a non restare affascinati dall’idea di saloni scintillanti e sfarzosi dove ammalianti croupier accettano ingenti puntate dai giocatori.

Il secondo scenario è quello che interessa sicuramente di più agli abitanti di Belluno, senza nulla togliere all’appeal di certe salette. Perché? Per un motivo semplicissimo, di natura geografica: da Belluno è davvero breve il tragitto per arrivare al rinomatissimo Casinò di Innsbruck, dove il motto “Machen Sie Ihr Spiel” (letteralmente, “fate il vostro gioco”) è azzeccato e raccoglie senz’altro moltissimo seguito. Oltretutto è anche possibile fare comodamente i biglietti online dal proprio PC per poter partecipare a tutti gli eventi disponibili, tra cui spiccano per fama i tornei di poker texas hold’em. Il poker infatti è uno dei protagonisti indiscussi di qualsiasi casinò, e quello di Innsbruck non fa eccezione. Ma perché andare fino ad un casinò? Perché purtroppo in questo momento il poker live, nonostante stia vivendo un momento magico in cui il numero di giocatori aumenta giorno dopo giorno, è ancora incantenato in una sorta di vuoto legislativo in cui si aggrovigliano leggi comunitarie, sentenze dei Tar e della Cassazione e circolari del Ministero degli Interni. Certo, qualche passo si sta muovendo: ad esempio l’aver ottenuto una particolare delega da parte dello SCEN – un ente nazionale pienamente riconosciuto dal CONI – è senz’altro la vittoria di una battaglia della lunga guerra per far approvare, finalmente, il poker come riconosciuto gioco di abilità sportiva, ma la strada è ancora irta di ostacoli. Dunque per tutti coloro che vivono in certe zone d’Italia, chi abita al Sud purtroppo è davvero penalizzato da questo punto di vista, l’ipotesi di andare in un casinò per giocare in santa pace è assolutamente razionale e sensata. E per chi, per vari motivi, non può permettersi questa scelta? Per fortuna esiste il poker online. Giocando in tutta comodità dal proprio PC, ma ormai è possibile farlo anche con i tablet ed ovviamente anche con gli smartphone, ci si potrà dedicare alla propria passione senza correre alcun rischio.

Questo a patto di iscriversi su portali di poker riconosciuti dall’AAMS e garantiti al 100%, come ad esempio PokerStars: la sicurezza infatti è la prima cosa da considerare nel poker, e correre il rischio di trovarsi contro dei cheater o di veder volatilizzare il proprio deposito, o peggio, in un battito di ciglia è una cosa che non auguriamo a nessuno. Come riconoscere dei portali poco affidabili? In realtà, è piuttosto semplice: diffidare a priori di siti che promettono di regalare da subito dei bonus davvero troppo ricchi, ed insospettirsi se non si trova la regolare certificazione di riconoscimento dell’AAMS.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.