Saturday, 16 December 2017 - 10:52

Anche nella crisi serve innovazione * di Primo Torresin

Nov 16th, 2013 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Primo TorresinIl 26 settembre 2009 a Belluno ci fu una manifestazione indetta dal Sindacato Confederale per presentare una piattaforma territoriale a sostegno dell’occupazione (già in forte crisi), per il rilancio dell’economia, per la salvaguardia della sanità e della scuola in montagna, per l’attenzione ai pensionati, per la difesa delle fabbriche.

Manifestazione all’invero non molto partecipata, forse perché si volle sfidare la capacità di impegno della gente bellunese e si svolse un sabato mattina. La crisi era già partita e ricordo le affermazioni : “da qualsiasi parte lo si guardi il futuro non sarà più come il passato, così come l’economia globale uscirà trasformata da questa crisi e quindi serve anche un salto culturale da parte di tutti, perché oggi tanti sperano di tornare come prima alla fine della crisi stessa e pochi pensano ad una riconversione che è necessaria proprio in questi momenti”.

Da più parti quella manifestazione fu ritenuta inutile, anzi dannosa.

A fronte di una necessaria azione globale da portare avanti tutti insieme con forza di volontà, superando le evidenti difficoltà, le diversità ideologiche o di provenienza, gli interessi di parte per uno sviluppo economico, sociale, culturale e umano che doveva essere restituito al nostro territorio, si preferì marciare divisi. Continuò la contrapposizione fra lavoratori e mondo dell’impresa e il territorio non riuscì a compiere quella che invece sarebbe stata vera “enterprise”: saper unirsi e creare sinergie, chiamando a raccolta anche altri soggetti presenti, a cominciare dal sistema bancario e finanziario, ma anche della politica che invece non è assolutamente stata capace di abbandonare lo scontro distruttivo, antagonista e mirato alla reciproca delegittimazione, per realizzare quel disegno unitario di cui il nostro territorio aveva bisogno.

Sono trascorsi quattro anni e mi pare si segua ancora la stessa strada: divisioni, delegittimazione reciproca (il tema dell’autonomia ne è un significativo esempio), la politica bada solo a salvare sé stessa, le risorse economiche in mano ai grandi gruppi che hanno scarso interesse a difendere questo piccolo territorio. E si ripetono le manifestazioni di allora. Mentre nessuno crede alla necessità di ripensare ad occupazioni alternative a quelle dell’industria e a ricollocare i posti di lavoro mancanti nel manifatturiero in quelle alternative che il territorio e il prodotto del grande patrimonio boschivo di questa Provincia potrebbero offrire.

Certo per far questo servono risorse e per reperirle bisogna aver il coraggio anche di cambiare atteggiamento e non seguire i soliti percorsi, magari pretendendo elezioni provinciali subito e poi una conseguente autonomia/specificità identica a quella delle Province contermini della vicina Regione autonoma, che decisamente in questo momento – pur difficile – se la passano meglio di noi. Ma se ci attarderemo ancora in rituali vecchi e divisioni illogiche, continuando a dimostrare incapacità innovative per sfidare la crisi e per trovare soluzioni che effettivamente producano risultati reali, non potremo certamente sostenere di aver fatto tutto quello che era nelle nostre reali possibilità.

15 novembre 2013

Primo Torresin

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.