Thursday, 14 December 2017 - 20:59

Botta e risposta sulle società partecipate della Regione. Ciambetti: “Ottenuti risparmi maggiori di quelli prospettati, con gli apprezzamenti della Corte dei conti”

Nov 12th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Roberto Ciambetti

Roberto Ciambetti

“Hanno ragione i consiglieri Tiozzo e Ruzzante: la loro proposta è veramente rivoluzionaria. A tal punto rivoluzionaria da non tener conto nemmeno delle disposizioni del Codice Civile e della normativa nazionale vigente”. Non s’è fatta attendere la replica dell’assessore regionale al bilancio e alle società partecipate, Roberto Ciambetti, alle dichiarazioni del capogruppo Pd sull’astensione del gruppo consiliare della Lega e sull’atteggiamento della Giunta regionale relativamente alla proposta di legge sulla riforma delle società partecipate all’esame della prima commissione consiliare.

“E’ per lo meno bizzarro e singolare – spiega Ciambetti – che i consiglieri regionali vogliano legiferare, per altro con notevole ritardo, su materie che sono di competenza dello Stato. Il diritto societario, ad esempio, rientra nel Codice Civile. Già da tre anni la Giunta regionale si è attivata per adeguare, attraverso precise direttive, alle nostre società le disposizioni emanate dal Governo e votate dal Parlamento e le nostre scelte, la governance della transizione e il controllo attivato hanno avuto l’apprezzamento concreto della stessa Corte dei Conti, il che è garanzia per il cittadino della bontà del nostro operato, del lavoro svolto dalle nostre strutture e del fatto che noi si stia applicando correttamente la legge”.

“Per quanto riguarda i risparmi possibili di cui i consiglieri menano vanto – continua l’assessore –, dagli studi emerge che la loro proposta prevede, per presidenti e membri del Cda, amministratori delegati e sindaci o revisori dei conti, compensi medi che complessivamente sono di gran lunga superiori a quelli già applicati sulla base delle disposizioni date dalla Giunta. Anche per quanto riguarda il numero dei membri dei Cda siamo già ad uno sfoltimento avanzato. Ma non solo: ci sono previsioni nella proposta di legge che finiscono per essere in deroga alle stesse norme, cogenti, sulla trasparenza e gli appalti pubblici. Si pensi che abbiamo già reso operative in Veneto alcune disposizioni particolarmente restrittive e rigide sulle società che, secondo la stessa Corte dei Conti, non erano obbligatorie per la Regione ma che noi abbiamo voluto ugualmente accogliere”.

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.