Thursday, 19 October 2017 - 05:30

Ultimo giorno di Arredamont a Longarone Fiere. Atteso il pubblico delle grandi occasioni, in visita da tutto il Nord Italia

Nov 2nd, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Prima Pagina, Società, Istituzioni

longarone fiere 280x210Ultima giornata, domenica, per visitare la 36^ edizione di Arredamont, la mostra dell’arredare in montagna che mai come quest’anno ha portato a Longarone Fiere visitatori da tutto il Nord Italia: complice anche il “ponte” delle festività, sono stati tanti infatti i visitatori provenienti dalla Val d’Aosta, dal Piemonte e Lombardia, e dall’Emilia Romagna oltre che ovviamente da tutto il Nord Est.

Una fiera tutta da gustare all’insegna del legno quella che si chiude domani: “L’impegno di tantissimi artigiani della filiera legno-mobile – ha rilevato Oscar de Bona, presidente di Longarone Fiere – quest’anno è stato molto evidente e bello: è un segnale forte che c’è una categoria, quella degli artigiani, che di fronte alla crisi sa reagire positivamente. E’ confortante vedere anche tante piccole aziende bellunesi che, invece di piangersi addosso, reagiscono in maniera forte: credono in se stesse, nelle proprie capacità e su queste investono. Un bel segnale che il nostro territorio sta offrendo a tutto il pubblico di Arredamont”.

In effetti, la manifestazione sta confermando le attese della vigilia: l’afflusso del pubblico è in linea con quello delle ultime edizioni, quel che è cambiata è la qualità delle visite. “Se infatti abbiamo più visitatori da lontano – è la considerazione di Oscar De Bona – vuol dire che aumenta il pubblico delle persone fortemente interessate all’arredamento di montagna, che qui a Longarone Fiere si trova nelle sue più belle espressioni e invece nelle altre fiere di arredamento in giro per l’Italia è di fatto inesistente. Chi è disposto a fare un viaggio di quattro o cinque ore per venire a Longarone è sicuramente anche ben interessato alle proposte commerciali dei nostri tanti artigiani: questo, oltre che portare ospiti per il turismo, vuol dire soprattutto creare opportunità di lavoro per le nostre terre, è bene che non ce ne dimentichiamo”.

Tutto pronto dunque per l’ultima domenica di Arredamont, per tradizione giornata di grande afflusso: il meccanismo di accoglienza è comunque perfettamente rodato, parcheggi e viabilità sono ben attrezzati per ricevere forti flussi di veicoli senza problemi e tra gli stand della Fiera si coglie l’atmosfera delle giornate più belle. Oltre ai mobili, anche l’oggettistica e i tessuti, l’antiquariato tipico e l’arte hanno avuto parecchio interesse di pubblico; e con loro anche le soluzioni innovative per utilizzare al meglio gli spazi (che nelle case di montagna sono spesso ridotti al minimo), i pavimenti in legno, gli infissi e serramenti, e i complementi d’arredo. Una proposta a 360 gradi, che non pochi tra i visitatori cercano anche di trasferire dalle case di montagna a quelle di pianura per assicurarsi tutto l’anno un calore dell’ambiente quasi irripetibile: anche su questo aspetto Arredamont sta cambiando pelle. E si vede.

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.