13.9 C
Belluno
mercoledì, Maggio 27, 2020
Home Cronaca/Politica Il cordoglio di Confindustria Belluno Dolomiti per la scomparsa di Giovanni Coffen...

Il cordoglio di Confindustria Belluno Dolomiti per la scomparsa di Giovanni Coffen Marcolin

Confindustria belluno dolomitiBelluno, 24 ottobre 2013 – Confindustria Belluno Dolomiti esprime profondo cordoglio per la scomparsa, avvenuta nella notte tra mercoledì e giovedì, di Giovanni Coffen Marcolin, figura di spicco dell’imprenditoria bellunese e italiana, fondatore dell’omonimo Gruppo divenuto negli anni uno dei colossi dell’occhialeria mondiale. Aveva 82 anni.

La sua avventura imprenditoriale inizia nel 1961, quando, appena trentenne, crea «Fabbrica Artigiana», un’impresa specializzata nella realizzazione di aste per occhiali in laminato d’oro. E’ il primo capitolo di una storia di successo che, in pochi anni, si arricchisce di altre pagine importanti. Nel 1964 l’azienda cambia nome e diventa «Marcolin occhiali Doublé». Tre anni dopo viene inaugurato lo stabilimento di Vallesella di Cadore e, dopdici mesi più tardi, c’è l’ingresso nel mercato a stelle e strisce, con l’apertura di una rete di otto distributori per commercializzare i suoi prodotti L’azienda cresce e si internazionalizza. Apre la prima filiale estera in Francia (1976), seguita, poco dopo, da una sede in Svizzera e una in Germania. A metà degli anni ottanta, grazie ad una joint venture , Marcolin passa da ottanta a duecento dipendenti, raggiunge il traguardo di un milione di montature prodotte in un anno e si trasferisce a Longarone. Nonostante la sua forte vocazione internazionale, per volontà del suo fondatore l’azienda mantiene un solido legame con il territorio bellunese, tanto che nel 1991 Giovanni Coffen Marcolin dà vita ad una fondazione per azioni di solidarietà e beneficenza. Nel frattempo l’azienda acquisisce alcuni dei marchi più prestigiosi e si afferma come una delle realtà più importanti del settore.

«La storia di questa azienda – commenta Lorraine Berton, presidente di Sipao – spiega più di tante altre parole il valore umano e imprenditoriale di Giovanni Coffen Marcolin, una figura che ha contribuito in modo significativo alla crescita economica della provincia, creando occupazione e quindi benessere per tante famiglie. Voglio perciò esprimere, anche a nome dell’intera sezione, il nostro più profondo cordoglio alla famiglia ed un enorme “grazie” per quanto Giovanni ha dato al nostro territorio».

Anche il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti, Gian Domenico Cappellaro, si unisce al cordoglio e ricorda l’impegno di Giovanni Coffen Marcolin all’interno dell’associazione, dove ha ricoperto diversi incarichi, tra i quali anche quello di vicepresidente. «Siamo vicini alla famiglia – afferma – alla quale vanno le nostre più sentite condoglianze. Un pensiero particolare, poi, lo rivolgiamo al figlio Cirillo, da anni attivo protagonista della vita associativa».

 

 

 

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Ciclone Vaia: raccolti oltre 390mila euro per il Centro coordinamento soccorsi dei Vigili del fuoco di Belluno

Il Fondo di Solidarietà costituito a fine 2018 a favore delle popolazioni venete colpite dal ciclone Vaia da Confindustria Veneto e Cgil Cisl Uil...

Il Consiglio regionale approva le due mozioni Gidoni: Ufficio esecuzione penale esterna a Belluno. Potenziamento del personale all’Ufficio scolastico di Belluno

Venezia 26 mag. 2020 - “Attivare una sede bellunese dell’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, per evitare ai cittadini e ai dipendenti residenti in provincia...

Rilancio del Nevegal. Fracasso, Pigozzo, Bello e Dal Farra (PD): “Basta rimpalli tra Regione e Comune: assicurare accessibilità ai rifugi con gli impianti già dalle...

Venezia, 26 maggio 2020  "Il rilancio del Nevegal non può più attendere: Regione e Comune di Belluno la smettano di rimpallarsi responsabilità e accampare scuse,...

Belluno. Occupazione suolo pubblico. Via libera a plateatici in piazza Mercato e via Mezzaterra

Più facilità per gli esercizi pubblici di ampliare i propri plateatici nel periodo estivo anche su strade poco trafficate: la Giunta del Comune di...
Share