Sunday, 22 October 2017 - 13:46

Il 16 ottobre “In piazza ad Agordo per salvare una vita” con consegna di un defibrillatore all’ospedale di Agordo

Ott 15th, 2013 | By | Category: Prima Pagina, Sanità, Società, Istituzioni

ulss 1In Italia circa 60.000 persone all’anno sono colpite da arresto cardiaco. Circa il 70% degli arresti cardiaci avviene in presenza di qualcuno il cui intervento tempestivo,  tramite corrette manovre di rianimazione cardiopolmonare,  può aumentare notevolmente le possibilità di salvare la vita.

Il Parlamento europeo ha  formulato un invito agli stati membri  di istituire una settimana di sensibilizzazione dedicata all’arresto cardiaco, con lo scopo di migliorare la conoscenza e la formazione dei cittadini e degli operatori sanitari alla rianimazione cardiopolmonare , iniziativa promossa a carattere nazionale con  la Campagna di sensibilizzazione “Viva!”  patrocinata  dal Senato della Repubblica e dal Ministero della Salute e a  cui hanno aderito numerose Società scientifiche.

L’ULSS 1 partecipa con la manifestazione “In  piazza ad Agordo per salvare una vita”  che si terrà  domani 16 ottobre,  grazie  al contributo  dell’Associazione Nazionale Alpini e della Squadra Sanitaria della Protezione Civile di Belluno che hanno messo a disposizione una tenda  per i sanitari, negli spazi attrezzati dal Comune di Agordo.

L’evento  si svolgerà dalle 9 alle 13 in occasione del mercato settimanale.

Gli Infermieri Istruttori  ed il Direttore del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Agordo illustreranno alla popolazione interessata le semplici manovre di rianimazione che tutti sono in grado di mettere in atto in caso di arresto cardiaco, sui luoghi di lavoro, di sport e di divertimento.

Tutte le persone interessate  potranno   provare  praticamente e direttamente sui manichini le manovre salvavita,  e a quanti parteciperanno verrà  rilasciato un attestato di “Bravo Soccorritore” come prevede la Campagna “Viva”.

Ulteriori  informazioni possono essere raccolte sul sito www.viva2013.it

Durante la manifestazione,  alle ore 12,30  si terrà la cerimonia  di consegna di un defibrillatore donato all’  ULSS  1 da un privato  cittadino,   a seguito della diffusione della notizia  della vendita da parte dell’ azienda   dell’auto di rappresentanza per poter acquisire con il ricavato tali  attrezzature.

Il defibrillatore, di ultima generazione, in grado di  monitorare anche  i parametri vitali del paziente,   verrà assegnato  al gruppo operatorio dell’Ospedale di Agordo.

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Strana idea di salute. Vogliono chiudere a tutti i costi l’ospedale di Agordo, ma nonostante tutto provano ancora a farci una bella figura approfittando del regalo di un privato. Uno spot veramente penoso.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.