Saturday, 21 October 2017 - 08:44

Sparavano ai cartelli stradali, denunciati due cacciatori. Rinvenute anche armi non denunciate nelle loro abitazioni

Ott 14th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Giovedì scorso, 10 ottobre, personale della Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Belluno, coadiuvato dal Corpo di Polizia Provinciale, ha effettuato un arresto e ha denunciato a piede libero due cacciatori, S.M. di 38 anni, residente a Selva di Cadore, e P. G. di anni 69, residente a Trento ma con abitazione e domicilio sempre a Selva di Cadore.

A far partire il controllo a carico dei due soggetti sono stati i fori di proiettile notati su alcuni cartelli stradali della Strada regionale n.251.

polizia 150x113L’operazione, condotta alle prime luci dell’alba e protrattasi fino a tarda sera, permetteva di individuare con certezza il luogo da cui erano stati esplosi i colpi. Il personale della Questura procedeva ad una tempestiva perquisizione dell’abitazione che portava al rinvenimento di un fucile cal. 22 L.R. di marca “VOERE KUFSTEIN AUSTRIA” mod. “LAUFTHAL 3” con matricola abrasa, nonché 269 munizioni dello stesso calibro ed una munizione cal. 22 hornet. Per i suddetti fatti è scattato l’arresto obbligatorio in flagranza di S.M. che veniva accompagnato presso il locale istituto di pena.

Il controllo veniva esteso ad altra abitazione sita in Selva di Cadore sempre in uso a P.G., probabile cedente dell’arma clandestina,. Anche qui la perquisizione dava esito positivo, consentendo di acquisire due pistole di cui una da guerra nonché un numero notevole di munizioni sia da guerra che per arma comune da sparo.

Al momento del controllo P. G. non era in casa ma si trovava nella sua residenza a Trento, pertanto il controllo veniva effettuato anche in quella provincia dove si rinvenivano ulteriori munizioni non denunciate. Stante l’età avanzata del l’uomo e la non flagranza dovuta alla sua assenza durante la perquisizione che ne avrebbe consentito l’arresto, P.G. veniva denunciato a piede libero per detenzione illegale di arma da guerra e relativo munizionamento, detenzione illegale di arma comune da sparo e per vendita o cessione di arma senza licenza dell’Autorità. La suddetta attività si iscrive nella più ampia serie di controlli che la Polizia Amministrativa della Questura opera nei confronti dei possessori di armi al fine di prevenire e come in questo caso reprimere quegli abusi che potrebbero sfociare in clamorosi casi di cronaca giudiziaria.

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.