Thursday, 14 December 2017 - 14:54

Letta a Longarone. Cappellaro alle associazioni di categoria e alle organizzazioni sindacali: “Diamo un contributo propositivo indicando le nostre priorità”

Ott 14th, 2013 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina
Gian Domenico Cappellaro presidente Confindustria Belluno Dolomiti

Gian Domenico Cappellaro presidente Confindustria Belluno Dolomiti

«Speriamo che non siano le solite promesse di circostanza». Il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti, Gian Domenico Cappellaro, commenta così le parole pronunciate dal Primo Ministro Enrico Letta, in occasione della sua apprezzata visita in provincia per il cinquantesimo anniversario della tragedia del Vajont.

«E’ incoraggiante sapere che il governo intende riconoscere forme di autonomia più marcate alle aree montane – osserva Cappellaro – perché ciò dimostra una particolare sensibilità verso i problemi che affliggono questi territori. Per noi imprenditori bellunesi è però importante che si proceda speditamente in questa direzione, perché la situazione è tale da non consentire ulteriori perdite di tempo. Chiediamo senso di responsabilità non solo al governo, ma anche alle forze politiche che lo sostengono. Altrimenti ogni sforzo e ogni buona intenzione potrebbero essere vanificati. Ormai credo che sia chiaro a tutti che non possiamo più tollerare il commissariamento della Provincia di Belluno: un ente che, da quasi due anni, è in balia di se stesso, mentre, anche grazie alla specificità riconosciuta dal nuovo Statuto regionale, potrebbe avere un ruolo molto importante».

Il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti auspica, inoltre, che le associazioni di categoria e le organizzazioni sindacali colgano l’apertura del governo e riescano a trovare una posizione condivisa sui temi che riguardano la governance e lo sviluppo economico della montagna bellunese. «Non dobbiamo lasciare che le dichiarazioni di Enrico Letta cadano nel vuoto – aggiunge Gian Domenico Cappellaro – aspettando passivamente le decisioni del governo. Dovremmo, invece, approfittare di questa occasione per dare un contributo propositivo, avanzando, anche attraverso i rappresentanti politici bellunesi, alcune richieste che consideriamo prioritarie per la competitività del nostro territorio». «Confindustria – conclude il presidente – non si è mai sottratta al dialogo e al confronto e non intende certo farlo in questa fase così delicata per i bellunesi».

 

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Elezioni ed autonomia!

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.