Saturday, 21 October 2017 - 14:02

Con il 50° anniversario della tragedia del Vajont nasce il progetto “Calamita/à”

Ott 10th, 2013 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Cronaca/Politica, Prima Pagina

logo progetto leggeraIn concomitanza con il cinquantesimo anniversario della tragedia del Vajont nasce il progetto CALAMITA/À, indagini e ricerche sui territori del Vajont. Il progetto CALAMITA/À, è uno strumento d’indagine territoriale che attraverso una ricerca programmata, intende approfondire i mutamenti in corso, generare dibattito, rivelare criticità, attirare interesse e conoscenza attorno a un luogo nodale ancora in via di definizione. Morfologia del territorio, orografia, infrastrutture, architettura, contesto sociale sono solo alcuni degli ambiti di analisi. Arte, sociologia, urbanistica e fotografia concorrono alla definizione dell’identità del territorio con un approccio multidisciplinare aperto. Attraverso una pluralità di visioni CALAMITA/À mira a far sì che il territorio preso in esame diventi un laboratorio e un luogo d’osservazione privilegiato. CALAMITA/À è una piattaforma di indagini multidisciplinari sui territori del Vajont oggi curato da Gianpaolo Arena, Marina Caneve e Allegra Martin. I primi autori coinvolti saranno Giovanna Frene, Andrea Botto, Maurizio Montagna, Gabriele Rossi, Vincenzo Ostuni, Maria Grazia Calandrone, Luca Guido, Tommaso Perfetti e Vincenzo Schiraldi. La visual identity è progetto di Daniele Lisi e il sito web www.calamitaproject.com

L’onda del 9 ottobre 1963 blocca il tempo in un eterno presente. La catastrofe segna improvvisamente una modificazione istantanea ed irreversibile del paesaggio. In La teoria delle catastrofi (Milano, 1982), Alexander Woodcock e Monte Davis scrivono: «… non perché manchino stati o percorsi intermedi, ma perché nessuno di essi è stabile: il passaggio dallo stato o dal cambiamento iniziale a quello finale ha una durata molto breve rispetto al tempo necessario negli stati stabili». La presenza ingombrante di una moderna infrastruttura e il tentativo di un paese di essere industriale e inseguire il progresso, si trasformano in pochi minuti in un evento catastrofico capace di cancellare luoghi, memorie e destini. Più dell’abbandono, più della guerra l’eterna attesa di un futuro mai arrivato sovrappone relazioni, trame, esperienze. L’identità di un luogo, normalmente soggetta a progressivi mutamenti e trasformazioni, in questo caso è stata brutalmente cancellata lasciando spazio ad un nuovo, irrazionale, caotico assetto urbano.Valle di Longarone leggera

Robert Smithson, in “The Monuments of Passaic” del 1967, scrive: «Sono sicuro che il futuro si è perso da qualche parte nella discarica del passato non storico; sta nei giornali di ieri, negli annunci dei film di fantascienza, nei falsi specchi dei sogni abbandonati. Il tempo trasforma le metafore in cose, le impila nelle celle frigorifere o le mette sui terreni di gioco celesti delle nostre periferie. Avevo errato in un mondo immaginario che non riuscivo neanche io bene a immaginare. Questo panorama zero sembrava contenere delle rovine all’inverso, ossia tutte le costruzioni che sarebbero state costruite.»
Anziana leggera

 

 

 

climbing leggera

 

 

 

logo orizz leggera

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.