Tuesday, 12 December 2017 - 16:02

“Obbedir tacendo”. Lettera aperta al senatore Piccoli * di Primo Torresin

Ott 1st, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina
Primo Torresin

Primo Torresin

Caro Giovanni,

abusando di una vecchia amicizia e perdurando una paradossale e incredibile situazione politica mi permetto di farti giungere questo mio pensiero che, stai certo, è frutto di un confronto quotidiano con chi oggi vive in difficoltà e cerca di superarle con altrettanta dignità.

Il tuo impegno passato per il nostro territorio, a volte criticato ma più spesso invece ben accolto, ti ha consentito di riscuotere un meritato successo alle ultime elezioni politiche, successo oltretutto ottenuto per le continue asserzioni – in caso di eventuale tua elezione – di impegno romano nei confronti del territorio bellunese, della gente bellunese, dei giovani bellunesi, dei pensionati bellunesi, delle imprese bellunesi, delle amministrazioni locali bellunesi.

Quindi, fuor di dubbio che il tuo impegno e le tue scelte avevano come obiettivo il raggiungimento di questi risultati. Ora la tua accondiscendenza al capo Berlusconi di sfiduciare il governo Letta senza che i ministri o qualcuno appartenente al suo gruppo abbia potuto proferire parola, o sollevare obiezione alcuna, contrasta con la tua onestà e la tua capacità di adottare assunzioni di responsabilità coerenti con le tue promesse elettorali. Ora, come scrive Massimo Franco sul Corriere della Sera, mai come ora il fondatore del PDL detesta le critiche perchè teme che le lacerazioni interne possano evidenziare il disastro che sta procurando all’Italia.

La tua scuola politica, quella lontana della Democrazia Cristiana di cui forse mai come ora se ne sente la mancanza, avrebbe dovuto portarti a riflettere e a considerare come forse oggi ci fosse più, davvero più, bisogno di attenzione agli infiniti, pesanti e drammatici problemi locali, che non invece di furbizie che altro non hanno se non la ricerca di un consenso del capo che consentirebbe senz’altro la certezza di una presenza alla prossima e vicina tornata elettorale.

Legittima posizione la tua ma, consentimi, da me poco stimata e per nulla condivisa. Scaricare sulla gente e sul territorio bellunese questa inarrestabile ambizione di tutti coloro che praticano il motto di “obbedir tacendo” non porterà maggior riconoscimento a nessuno. Non solo, ma credo che alla gente onestamente impegnata dovrebbe stare molto più a cuore la propria dignità che non l’accondiscendenza al capo. Sei ancora in tempo per recuperare credibilità da parte non dei potenti ma della gente vera, dei giovani, delle famiglie, degli anziani e dei disoccupati che ogni sera pensano come poter vivere la giornata successiva. Nella vita ci sono sempre momenti difficili nei quali bisogna saper scegliere e saper schierarsi, anche se questo può costare sul piano personale.

Sempre con amicizia, Primo Torresin

 

 

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Vi sono dei piccoli uomini che si rimangiano le promesse.

  2. La vicenda politica e umana di Giovanni Piccoli da la misura del distacco della classe politica dal vissuto della gente comune. Durante la campagna elettorale per le provinciali ebbi modo di conoscere Giovanni Piccoli col quale condivisi qualche mese nell’amministrazione provinciale dalla quale egli si dimise, dopo aver ricoperto la carica di vicepresidente, per decisione politica che nulla aveva a che fare con l’interesse dell’Ente e del territorio. Pochi mesi dopo venne la crisi della maggioranza che reggeva la provincia che originò dalla guerra tra l’allora presidente Bottacin e la galassia BIM della quale Giovanni Piccoli rappresenta la punta e una delle menti che ha costruito un vero e proprio sistema di sparizione del potere in provincia di Belluno. La scelta successiva di correre alle politiche e la scelta di andare davanti al palazzo di Giustizia a Milano a manifestare in favore del Capo mi ha confermato nella scarsa opinione che mi sono fatto dell’uomo prima ancora che del politico. Certo fa impressione vedere un padre di famiglia, dotato di buona cultura e viva intelligenza finire così. Personalmente credo sempre nella possibilità di redimersi dell’uomo e questo vale ovviamente anche per Giovanni Piccoli…

  3. che pena.

  4. Sono sempre piu’ convinto che i signori onorevoli quando siedono sulle poltrone ricercate con tanto
    zelo dimentichino le promesse fatte agli elettori siano lavoratori, pensionati, imprese, ecc e ,cosa
    ancor piu’ grave , dimenticano che sono strapagati ( anche con i soldi della povera gente ) per essere
    al servizio del popolo, per fare il bene dei cittadini e non per fare i giochetti e le strategie politiche,
    perchè quest’ultime cose non interessano a nessuno e non fanno il bene di nessuno, anzi procurano
    rigetto e nausea in tutti noi. Se avete ancora una coscienza fate un bel esame con onesta’ ed umiltà.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.