Monday, 16 September 2019 - 14:47
direttore responsabile Roberto De Nart

Venerdì nel chiostro delle scuole Catullo la musica greca dei Ta Italakia

Ago 21st, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

I primi due eventi della rassegna “Belluno Trad” si sono svolti con grandissimo successo dimostrando che la città di Belluno continua ad avere un grande interesse per il tema della musica tradizionale e folk e che il pubblico bellunese è maturo, pronto e desideroso di ospitare eventi auspicabilmente di respiro nazionale in questo ambito.

Ora, il gruppo “Al Tei”, il Circolo AICS “Andrea Caffi” di Belluno e il Comune di Belluno sono lieti di annunciare il terzo concerto della rassegna.

chiostro-delle-catullo-bretelle-lascheVenerdì 23 agosto alle 20.45, presso il chiostro dell’Istituto “Tommaso Catullo” di Belluno (aula magna dello stesso istituto in caso di maltempo) si terrà infatti il concerto del gruppo “Ta Italakia” che proporrà un percorso nelle varie tradizioni musicali della penisola ellenica.

Ta Italakia è un gruppo di musicisti bellunesi che si sono trovati a condividere la passione per la musica greca. Il repertorio va dal rembetiko alla musica delle isole, dalla musica dell’Asia minore a quella della Macedonia, spaziando con curiosità ed interesse in tutto il vasto patrimonio musicale tradizionale della penisola ellenica.

La formazione è la seguente:

Giulia Zovi – voce e chitarra;

Alberto Tonet – bouzouki, oud, baglamas;

Enrico Crosato – chitarra acustica;

Sandro Del Duca – voce, ney, clarinetto.

In un momento in cui si parla di Grecia solo per motivi legati alla disgraziata congiuntura economica pare opportuno richiamare l’attenzione sulla splendida cultura di questo paese e sul bellissimo ed interessante patrimonio musicale, ricco di suggestione e di suoni e ritmi inusuali ed affascinanti.

L’evento e l’intera iniziativa sono organizzati col patrocinio della Provincia di Belluno e col contributo della Banca di Credito Cooperativo e di “Audiogruppo di Piero Bolzan”, si ringrazia inoltre la squisita ospitalità dell’Istituto Catullo.

 

Share

Comments are closed.