Monday, 29 May 2017 - 07:50

Afghanistan: Anche le unità del 7mo Alpini con la Transition Support Unit – Center per l’operazione ‘Hurt Locker’

Ago 16th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Afghanistan autocolonna di Lince nel distretto di ObehShindand, 16 agosto 2013 – Si è da poco conclusa l’operazione denominata ‘Hurt Locker’ condotta da assetti della Transition Support Unit – Center (TSU–C) nelle vicinanze dell’abitato di Mogolan-eh-Now, villaggio distante circa 2,5 km dalla Forward Operating Base ‘La Marmora’ di Shindand.

L’operazione aveva lo scopo di bonificare un ordigno posizionato in prossimità di una strada carrareccia che collega il citato villaggio con l’abitato di Shindand, individuato dalla popolazione locale e prontamente segnalato alle autorità locali e alle forze della coalizione prima che potesse essere attivato e fatto esplodere.

Sul posto sono intervenuti operatori del genio militare appartenenti al 2° reggimento guastatori di Trento specializzati nella bonifica di ordigni esplosivi, unitamente ad assetti delle forze di sicurezza afghane e a un’unità di manovra del 7° reggimento alpini, che hanno garantito la sicurezza dell’area durante le operazioni di disinnesco.

L’operazione odierna è il frutto dell’intenso rapporto di collaborazione instaurato con la popolazione civile del distretto di Shindand che, da alcuni mesi a questa parte, ha portato alla scoperta di numerosi depositi illegali di armi e munizioni degli estremisti.

La TSU-C è l’unità di manovra su base 7° Reggimento Alpini di Belluno, comandata dal colonnello Stefano Mega, che opera per supportare le autorità afghane nel loro compito di garantire sicurezza, sviluppo e governabilità a favore della popolazione locale in quelle aree ove la presenza di strutture governative legalmente riconosciute è ancora insufficiente.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.