Monday, 16 September 2019 - 14:20
direttore responsabile Roberto De Nart

Via alla rassegna Ferragosto e dintorni

Ago 13th, 2013 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

scuola di musica  miari palazzo minervaLa Miari libera la musica, portando il fascino del canto popolare nelle strade del centro storico per “Ferragosto e dintorni”. Così domenica sera sotto il loggiato della Minerva è stata inaugurata la rassegna. Incuriositi e affascinati i passanti che hanno applaudito con entusiasmo il coro di musica popolare dell’Istituto bellunese, guidato da Elena Filini.

Il concerto ha inaugurato la rassegna pensata dall’assessore Claudia Alpago Novello e vedrà martedì 13 agosto la visita in musica dedicata al Settecento dal titolo Una notte al museo. Due turni, alle 20,30 e alle 21,30 in cui il benvenuto al museo civico sarà dato dall’esecuzione dei Notturni di W.A.Mozart per voci e cembalo e a seguire la visita guidata ai tesori del museo civico cittadino. Compsti nel 1783 per l’amico e mecenate barone Gottfried von Joaquin, i notturni costituiscono piccole perle di musica notturna destinata alle feste e ai ritrovi della bella società. In scena il Bimperl ensemble nato nel 2006 in concomitanza dell’anno mozartiano ( Bimperl era l’amatissimoc ane di Mozart) e composto da Marianna Piazza, Federica Corrò, Mariagrazia Balzan, Laura Brugnera Muraro, Daniele Facchin, Klaus Cordella tutti studenti dell’istituto musicale Antonio Miari. Al clavicembalo Federico Brunello.

Il contenitore di 3 concerti proposti per ferragosto e dintorni si inserisce nella politica di diffusione del sapere musicale operato dall’accademia musicale cittadina, gestita dal Conservatorio di musica A.Pedrollo di Vicenza.

Elena Filini

Elena Filini

“La Miari- spiega Elena Filini, coordinatrice del progetto- deve diventare sempre più il punto stabile di riferimento di una formazione musicale permanente, sul modello dei conservatori popolari europei.

Coltivare dunque la musica come sapere professionale, ma anche curare il segmento amatoriale, in maniera sempre più consapevole e elevata sotto il profilo qualitativo”.

Share

Comments are closed.