Tuesday, 17 September 2019 - 18:50
direttore responsabile Roberto De Nart

Prosegue l’esilio per Franceschi: la Procura di Belluno conferma il divieto di dimora a Cortina al sindaco

Ago 13th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Andrea Franceschi

Andrea Franceschi

Confermato dalla Procura di Belluno il divieto di dimora a Cortina d’Ampezzo per il sindaco Andrea Franceschi. Rigettata, dunque, l’istanza di revoca del provvedimento restrittivo presentata dai legali del primo cittadino della Perla delle Dolomiti, accusato di irregolarità nella gara d’appalto dei rifiuti e di aver esercitato pressioni nei confronti del comandate dei vigili affinché togliesse l’autovelox.

Non ci sta Franceschi che si sfoga nel suo sito e dice: “Sono stato condannato in via definitiva? No. Sono stato condannato in primo grado? No. Sono sotto processo? Nemmeno. Eppure sono ormai quattro mesi che vengo privato della mia libertà per la denuncia di una dipendente rancorosa non riconfermata nel ruolo di responsabile dell’ufficio lavori pubblici. Sono in esilio e dovrò rimanere in esilio chissà fino a quando. Un Sindaco democraticamente eletto dai suoi concittadini che non può fare il Sindaco”.

 

 

Share

5 comments
Leave a comment »

  1. Quanta pena mi fa, pensa una dipendente rancorosa, senza prove va da un magistrato e questo evidentemente rancoroso pure lui (ma tutti con stò povero se la pigliano) cosa fa ?lo indaga!! senza coglierlo neanche in flagranza di reato!! Mi sa che sti comunisti sono arrivati anche da noi aiuto!!!

  2. Contagio da sindrome del Cavaliere. Chi la contrae si ritiene perseguitato dalla giustizia. E’ giusto impedirgli di dimorare o contagerà l’intera Perla delle Dolomiti

  3. ma chi ha ucciso?

  4. I processi si fanno in tribunale e le sentenze non si emettono sui blog o sui siti, fino a prova contraria.
    Quanto a Cortina, non so quanto giovi alla Perla delle Dolomiti un sindaco esiliato.

  5. si cercasse un lavoro e si dimettesse subito,altro che in giro a sparare cagate