Sunday, 15 September 2019 - 19:00
direttore responsabile Roberto De Nart

Palio di Feltre: passione e fuoco, l’arte di Fabio Giudice nel tema 2013

Ago 1st, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

palio-feltre-leggeraFabio Giudice è il regista,scenografo e direttore artistico del Palio di Feltre ma Fabio Giudice è anche un artista che ama il feltrino. Emerge in ogni suo gesto e in ogni sua parola. Il Palio Fabio lo ha nel sangue, lo segue da anni con passione, lo studia, lo interpreta, cerca di migliorarlo e di offrirgli il meglio della sua creatività. Riuscendoci. “Quest’anno è sicuramente un anno difficilissimo dal punto di vista economico – afferma l’artista – e riuscire con poco a fare tanto non è una impresa così semplice. Abbiamo davvero fatto i salti mortali ma lo spirito che ci spinge a fare è più forte delle difficoltà incontrate”. La modestia di Fabio è disarmante ma quando elenca tutto ciò che ha fatto e fa per il Palio si resta basiti.

A cominciare da una interessante innovazione di quest’anno: una nuova immagine coordinata per far sì che il Palio diventi anche marketing unico e irripetibile. Fabio ha disegnato di suo pugno il nuovo font del Palio (vedi sotto) ispirato alla lavorazione del ferro con un’alabarda impressa nella P e l’umbone (l’elemento centrale sporgente dello scudo) impresso nella o finale di Palio. Il ferro, e la sua lavorazione, per Feltre è un elemento importante e storico; non dimentichiamo la preziosa collezione in Galleria Rizzarda.

Fabio Giudice già da anni sta lavorando per dare e consolidare una immagine forte del Palio. Pensiamo a dettagli unici come le bandiere poste in via Mezzaterra e palazzetti Cingolani; fatte di tessuto tecnico per non sbiadire al sole. E’ dal 2000 che sono poste sui balconi feltrini senza perdere il loro originario splendore. Così ha lavorato intensamente per ideare e costruire fattivamente tutte le bancarelle in legno medievale utilizzate per mercatini e ristori. Dettagli unici che si fondono con lo scenario storico creato anche quest’anno da Fabio. Infatti la scenografia del mercato medievale che si svilupperà nella cittadella è curato nei minimi dettagli e si potranno vedere mestieri unici quali i rilegatori storici, gli artigiani del legno, gli esperti di un tempo nel settore agroalimentare. Le piazzette di via Mezzaterra saranno riservate ai mercatini medievali provenienti da molte parti d’Italia. Salendo in piazza maggiore rimaniamo stupiti dal palcoscenico che Giudice ha creato con dovizia di artista storico e amante del Palio. Pannelli che coprono le basi in legno e rendono lo spettacolo storico realistico. Tanto quanto gli allestimenti, sempre curati da Fabio, in Prà del Moro. Minuzie certosine che fanno di questo Palio un evento davvero unico in Italia. Osservare con attenzione tutte le rifiniture ci fa capire quanta energia e quanta passione è stata profusa nell’iniziativa. Infatti quest’anno l’artista ha dato un filo rosso tematico al Palio legato alla Passione e al fuoco; una scommessa legata al pensare, sognare e fare che Fabio Giudice ha accolto a piene mani accettando con responsabilità e anche un pizzico di pazzia.

“Tutta la vita gira intorno alle passioni e il fuoco per il Palio rievoca il passato, l’elemento primordiale dell’uomo, il cuore pulsante della vita- afferma. Per questo lo spettacolo serale di sabato sera vedrà il fuoco come protagonista assieme alla giocoleria, alla musica, alle percussioni, alla manipolazione del fuoco e i finali fuochi d’artificio. I gruppi impegnati sono guidati da Eleonorà Malagò e d Michele Zanella oltre all’importante contributo della scuola musicale Sandi. Prima dei fuochi pirotecnici ci sarà una special guest che arriverà direttamente dalla Sicilia che regalerà uno spettacolo con il fuoco molto evocativo accompagnato da musiche di eccezionale impatto emotivo. La passione e il fuoco per l’appunto”. E l’artista feltrino ha chiuso il cerchio del fuoco e della passione predisponendo quest’anno due premi d’eccezione: il tamburo e la bandiera, consegnati ai vincitori della battaglia della Cernide, intrisi di lingue di fuoco, araldi e colori dei quartieri.

Share

Comments are closed.