Saturday, 20 July 2019 - 02:54

Sei milioni a province e comuni per la sicurezza stradale

Lug 22nd, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Renato Chisso

Renato Chisso

La Giunta regionale, su iniziativa dell’assessore alle politiche della mobilità Renato Chisso, ha finalizzato le risorse per circa 6 milioni 103 mila euro complessivi assegnate al Veneto per il 4° e 5° Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale.

“Abbiamo destinato 270 mila euro per le attività del Centro di Monitoraggio Regionale – ha spiegato Chisso – mentre il resto, per oltre 5 milioni 833 mila euro, lo assegniamo con bando a favore di iniziative per la sicurezza stradale realizzate da Province e Comuni. Gli enti locali avranno 90 giorni di tempo per presentare le domande di cofinanziamento dopo la pubblicazione del provvedimento regionale nel Bollettino Ufficiale della Regione, provvedimento che sarà reso disponibile anche nel sito Internet regionale”.

Saranno finanziabili interventi dedicati in modo specifico al miglioramento della sicurezza stradale, con riferimento ai seguenti campi di intervento prioritari: rafforzamento della capacità di governo della sicurezza stradale; formazione di una nuova cultura della sicurezza stradale; interventi su componenti di incidentalità prioritarie.

Potranno presentare proposte per accedere ai cofinanziamenti le Province e i Comuni, in forma singola o associata; possono essere associati in partenariato altri organismi, pubblici o privati, interessati al miglioramento della sicurezza stradale. Le domande, compilate nell’apposito modulo di proposta, andranno presentate in busta chiusa alla Direzione Regionale Infrastrutture, Via C. Baseggio, 5 30174 Mestre (Ve). I finanziamenti saranno assegnati alle proposte che risulteranno più coerenti con gli obiettivi e con i contenuti del “Piano Nazionale della Sicurezza Stradale”.

L’entità massima del cofinanziamento sarà determinata in relazione al costo complessivo dell’intervento proposto, compresa la progettazione, entro un massimale e una percentuale di copertura rapportati a quattro fasce di danno sociale (Fascia di danno sociale AA, massimale di finanziamento 600 mila euro, quota finanziabile 65%; Fascia di danno sociale A, 400 mila euro, 70%, Fascia di danno sociale B: 300 mila euro, 75%; Fascia di danno sociale C: 200 mila euro, 80%).

 

 

 

Share

Comments are closed.