Tuesday, 15 October 2019 - 06:52
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

E’ morto Ivano Pocchiesa-Cno, fondatore di Radio Teledolomiti

Lug 19th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

ivano pocchiesaQuesta notte, dopo breve malattia, si è spento il nostro amico Ivano Pocchiesa – Cno. “La provincia di Belluno perde una figura storica, dinamica, che ha dato la vita per il giornalismo, la televisione, la radio, la cultura locale” questo il pensiero del presidente ABM Oscar De Bona “La nostra Associazione perde una colonna importante, siamo vicini alla famiglia di Ivano in questo momento difficile e anche smarriti”.
Giornalista dal 1977, iscritto all’albo dei pubblicisti del Veneto, documentarista e regista, aveva alle spalle una intensa attività iniziata giovanissimo nel campo del cinema, della fotografia, della radio e della televisione privata. Tra l’altro, nel 1963 fonda, assieme ad alcuni amici, il Cinefotoclub di Belluno, che presiede per dieci anni.
Nel 1974 è stato tra i fondatori della prima emittente radiotelevisiva della provincia di Belluno “Radio Teledolomiti” che ha diretto fino al 1986. Dal 1980 al 1995 dirige anche “Radio city Belluno”.
Parallelamente ha curato edizioni discografiche di audio e videocassette con i marchi “MD Communication” e “Belumat”.
Nel tempo, si è applicato alla produzione di decine di documentari radiofonici, televisivi e servizi speciali, anche con viaggi e soggiorni all’estero.
Collaboratore dal 1973 dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, ripetutamente consigliere e membro del Consiglio esecutivo della stessa, nonché del Comitato di redazione della rivista mensile “Bellunesi nel Mondo” in qualità di vice direttore, ha trasfuso le sue esperienze specifiche vissute nel settore della emigrazione, dando l’avvio a una collana letteraria: “Personaggi” pubblicando quindi, come coautore e autore, sei volumi: “Piccole grandi storie di emigranti”, “Girolamo Segato esploratore ignoto”, “San Martino tra storia e leggenda”, “Gelato, mito e storia”, “Triveneto. Un mondo di bontà” e nel 2002, “Igne, Paese del Fuoco”.
Come membro dell’Associazione Bellunesi, inoltre, ha dedicato buona parte del suo tempo all’accoglimento e all’assistenza di emigranti (o loro discendenti) sopratutto giovani, che vengono in provincia di Belluno per motivi di studio o di lavoro.
In particolare ha accompagnato e aiutato, sempre in forma volontaria, gruppi di nostri emigranti in visita alla propria terra.
Ha fatto conoscere alla nostra provincia varie comunità di discendenti bellunesi oltreoceano, di cui si ignorava l’esistenza e le ha messe in contatto con i luoghi di origine. Ha promosso e sostenuto iniziative di scambi sociali, culturali, economici tra le stesse (in particolare del Brasile e del Messico) e le istituzioni e le associazioni locali, il che ha dato luogo a proficui rapporti tra la provincia di Belluno e, ad esempio, gli Stati di Rio Grande do Sul e Santa Catarina, in Basile e lo Stato di Veracruz in Messico, nei quali, come noto, sono molto consistenti le comunità di origine italiana.
Negli ultimi anni ha profuso notevolmente impegno nella elaborazione di progetti culturali per gli emigranti all’estero, per conto dell’Associazione Bellunesi nel Mondo e con il supporto della Regione Veneto, coordinando una serie di trasferte di gruppi artistici in Brasile e Messico e anche di delegazioni per patti di gemellaggio, interscambi economici e vari.
Ultimamente ha accompagnato nostre delegazioni presso le comunità bellunesi e venete del Sudamerica, in particolare in Argentina, per esprimere loro , anche economicamente, solidarietà per la difficile situazione in cui vivono, conseguente alla crisi economica di quel Paese.
Dal 1990 al 1995 è stato responsabile dell’Ufficio stampa di Longarone Fiere Srl.
Era inserito in vari sodalizi con incarichi di responsabilità, tra cui il Rotary International, per il quale ha coordinato, nelle annate ’98-’99 e ’99-2000 il Bollettino del Distretto 2060 (Triveneto) e ha diretto il Bollettino mensile del Rotary Club di Feltre.
Ha fatto parte tra l’altro anche dell’Accademia italiana della cucina.
E’ stato direttore responsabile di varie testate giornalistiche come “Radio Company” e il “Corriere di Bilt” in provincia di Treviso e “Filò” in provincia di Belluno, magazine mensile di attualità e turismo.
Assieme a Gianni Secco ha fondato l’Associazione Culturale per la promozione della conoscenza e diffusione delle culture locali “Soraimar”.
Sempre per l’ABM ha collaborato alla realizzazione del documentario per il 45° “Una storia. Un progetto. Una terra” e prima che sopraggiungesse la malattia ha seguito l’elaborazione del MiM Belluno, il Museo interattivo delle migrazioni inaugurato nel mese di maggio a Belluno.
“Questa domenica ci sarà l’Assemblea annuale ABM a Mel e di certo non mancherà un momento per ricordare e ringraziare Ivano per tutto quello che ha fatto per l’Associazione Bellunesi nel Mondo” le parole di De Bona cariche di commozione.
Il direttore della rivista “Bellunesi nel Mondo” Vincenzo Barcelloni Corte alla notizia della scomparsa di Ivano Pocchiesa: “Ci ha lasciati un grande amico della nostra montagna e dei bellunesi nel mondo. Con lui, tanti anni fa, ho combattuto e vinto una battaglia che sembrava impossibile ed è nata a Belluno la prima televisione libera a rottura del monopolio statale. Da allora Ivano Pocchiesa ha continuato a donare generosamente sè stesso a servizio dei  Bellunesi non solo con i viaggi, gli scritti, la radio, i filmati e l’accoglienza dei lontani, ma anche con una preziosa competente e appassionata collaborazione come vicedirettore di ‘Bellunesi nel Mondo’. Adesso Ivano invita i giovani a difendere ed amare la nostra splendida montagna ed i suoi figli che, da tanti anni, combattono per non far morire una terra  bella e generosa ma ingiustamente discriminata  rispetto alle montagne confinanti”.

I funerali si svolgeranno lunedì 22 luglio p.v. nel pomeriggio nella chiesa di Santo Stefano a Belluno.

Share

Comments are closed.