13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 7, 2020
Home Cronaca/Politica Schede sanitarie: il Gruppo consiliare del Partito Democratico e il Gruppo consiliare...

Schede sanitarie: il Gruppo consiliare del Partito Democratico e il Gruppo consiliare Tutti X Belluno chiedono la convocazione della Terza Commissione

Irma Visalli
Irma Visalli

“Come noto, a giugno sono state pubblicate le schede sanitarie in base alle quali saranno riorganizzate tutte le strutture sanitarie pubbliche e private nei prossimi anni. Come consiglieri di Belluno – scrivono in una nota Irma Visalli e Patrizia Burigo rispettivamente per il Gruppo consiliare del Partito Democratico e per il Gruppo consiliare Tutti X Belluno –  esprimiamo una grande preoccupazione per il possibile depotenziamento dell’Ospedale S. Martino ma anche per una complessiva assenza di visione d’insieme e di strategie sinergiche tra i vari poli della rete bellunese.

E non può bastare che l’ospedale di Belluno sia definito ospedale Hub, cioè nodo di riferimento provinciale – prosegue la nota – , perché a questo termine dovrebbe seguire contenuti concreti che a oggi mancano. Ne è un esempio il rischio di perdere l’Unità Operativa Complessa di Radioterapia dell’Ospedale di Belluno, struttura fondamentale per la diagnosi e cura delle neoplasie e quella di dermatologia, rifermenti essenziali a livello provinciale.

Sappiamo che la V commissione consiliare della Regione Veneto sta iniziando l’analisi delle schede e le audizioni per i soggetti territoriali interessati cui parteciperà anche il sindaco Massaro come presidente della conferenza dei sindaci dell’ULSS 1 .

Vista l’importanza dell’argomento e alla luce dello scadere del tempo per eventuali osservazioni (le audizioni saranno presumibilmente tra 17 e 19 luglio), abbiamo presentato una richiesta ai Presidenti del Consiglio e della Terza commissione affinché sia convocata CON URGENZA una commissione sull’argomento, aperta a tutti i consiglieri che vorranno per analizzare la situazione e dare al Sindaco un chiaro e condiviso mandato per correggere l’orientamento di cui sopra. vedi allegato) .

Ci è stata data garanzia che sarà convocata quanto prima. Confidiamo sia veramente così e che, nonostante il grave ritardo col quale l’amministrazione comunale si è mossa, il Sindaco abbia un indirizzo condiviso per incontrare la commissione regionale. Auspichiamo naturalmente che egli si attivi anche per una sinergia utile a tutto il bellunese con i Sindaci della conferenza dei sindaci dell’ULSS 2 e in primis con il Sindaco di Feltre.

Crediamo – concludono Visalli e Burigo –  che solo l’unità d’intenti imporrà alla Regione di correggere le schede sanitarie a vantaggio dell’intero territorio provinciale”.

 

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Sono 197 i verificati alla 46ma Alpe del Nevegal 2020

La 46ma Alpe del Nevegal è entrata nel vivo con il completamento, “sul campo”, delle verifiche dei 203 piloti iscritti alla gara inaugurale della...

Nevegal, ecco cosa dice amministrazione e maggioranza

L'amministrazione comunale e la maggioranza consiliare di Palazzo Rosso non ci stanno e rigettano le accuse sulla questione Nevegal, mancata apertura della seggiovia e...

Progettazione di edifici pubblici. L’Agenzia del demanio cerca 50 professionisti. Domande entro il 30 settembre

Roma, 7 agosto 2020 – Sono 50 i profili professionali tecnici e amministrativi di grande esperienza che l'Agenzia del Demanio intende reclutare dal mondo della...

Pandemia. Incontro con Andrea Crisanti, sabato alle 18 a Una montagna di libri a Cortina

Da febbraio ad agosto del 2020 è cambiato tutto. A rivederlo a distanza, il percorso drammatico che ha portato alla nostra condizione attuale, si...
Share