Wednesday, 17 July 2019 - 02:27

Belluno al primo posto nella classifica dei Comuni Ricloni 2013. La premiazione stamattina a Roma

Lug 8th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

simonetta buttignon ermanno gaspariQuesta mattina a Roma, il Comune di Belluno ha ricevuto il primo premio fra i Comuni capoluogo di provincia nella graduatoria nazionale “Comuni Ricicloni” promosso da Legambiente e dal Ministero dell’Ambiente.

L’importante riconoscimento è stato consegnato nelle mani del consigliere comunale, Simonetta Buttignon e dell’amministratore unico di Bellunum S.r.l., Ermanno Gaspari in rappresentanza del Comune di Belluno.

Grande la soddisfazione per il raggiungimento di questo importante obiettivo che, per la prima volta, porta il nostro comune tra i capoluoghi al vertice della classifica di Legambiente che comprende tutti i Comuni che hanno una percentuale di raccolta differenziata uguale o superiore al 65% e alla considerazione dell’indice di buona gestione, che tiene conto di numerosi parametri, oltre alla percentuale di differenziata, quali la produzione di rifiuti pro-capite, la tipologia di raccolta, la presenza di piattaforma ecologica e molti altri ancora.

Il Sindaco, Jacopo Massaro, commentando a caldo la notizia, riferisce:

“E’ un onore e un gran piacere per l’Amministrazione del Comune aver ricevuto questo riconoscimento.

Il merito va a tutti i dipendenti comunali, ai dipendenti della Bellunum ma, soprattutto, il ringraziamento più importante è rivolto proprio ai cittadini che con le loro buone pratiche hanno meritato di ottenere un risultato così pregevole.

L’impegno da parte dell’Amministrazione comunale si concentrerà quindi nel proseguimento di questa gestione, incrementando, se possibile, gli indici di buona gestione e di riciclo.

L’obiettivo, inoltre, è di impegnarci, già nel 2014, ad arrivare alla tariffa puntuale che comporterà uno sgravio economico nella bolletta a carico dei cittadini.

Con l’occasione, possiamo già annunciare che, il Comune di Belluno, nel 2013 restituirà il 5% della tariffa sui rifiuti sull’importo pagato lo scorso anno.

Questo grazie ai brillanti risultati sulla pratica della raccolta differenziata che è arrivata al 70,4%.”

 

 

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Tante “ciacole”, ma i cittadini aspettano i risultati concreti !
    Altrimenti è meglio cominciare ad individuare il sito idoneo per la costruzione di un buon termovalorizzatore con cui effettuare il teleriscaldamento della città di Belluno, sull’onda di altre città montane (BS, BG,W), così da poter effettivamente avere un ritorno economico e sgravi in bolletta (sbaglio o paghiamo ancora una quota per l’inceneritore di S.Giustina mai costruito???).
    Visti i tempi…

  2. Il risultato è avvenuto grazie ai Cittadini che continuano a comportarsi civilmente, nonostante la raccolta sia viziata dal fatto che non si sia ancora giunti alla tariffa puntuale (tanto conferisci, tanto paghi, mentre ora tutto si basa su superfice e numero abitanti della casa, indipendentemente dalla quantità di rifiuti conferita). Gaspari e l’Amministrazione parlano di tariffa puntuale da introdurre nel 2014. Ne dubito, dato che se na parla da oltre quattro anni ed i mezzi per attuare il controllo già sono in mano ai raccoglitori. L’unico metodo veramente preciso e “democratico”, parola molto di moda, è la raccolta porta a porta. Quando “chi paga veramente” si accorgerà che paga anche per chi non si comporta correttamente, allora ne vedremo delle belle.

  3. Paga pantalone. Gaspari è il pensionato, pagato dal Comune. Alla faccia dei giovani in cerca di lavoro. Andiamo tutti a Roma a prendere il treno, tanto dopo paga appunto ….. pantalone. Speriamo di vederne delle belle ma ….. ho poca speranza.

  4. e basta brontolar… per una volta tanto che Belluno fa qualcosa di buono e ha qualcosa da insegnare al resto d’Italia; inceneritore? par l’amor de Dio… invece avanti con la differenziata e a Palazzo Rosso un po’ più di coraggio… fateci usare ‘ste benedette chiavette così paghiamo per i rifiuti che effettivamente produciamo, anche per una questione di giustizia nei confronti dei cittadini che si impegnano a differenziare tutto quello che si può.