Monday, 18 June 2018 - 15:40

Commemorazione strage di Cima Vallona. Bond: “Sprezzante l’assenza di Bolzano. Intervengano prefetto e consiglio regionale!”

Giu 30th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Dario Bond, consigliere regionale Pdl

Dario Bond, consigliere regionale Pdl

“Sprezzante e impudente l’assenza delle Istituzioni altoatesine alla commemorazione di Cima Vallona. Intervengano il Prefetto e la Presidenza del Consiglio regionale del Veneto”.

Cosi il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond giudica la mancanza di rappresentanti istituzionali altoatesini alla commemorazione di questa mattina a Cima Vallona (San Nicolò Comelico, Belluno), dove autorità civili e militari hanno ricordato la strage del 25 giugno 1967 ad opera del Bas (Befreiungsausschuss Sudtirol) che costò la vita e il ferimento di alcuni militari.

“Possibile che nessuno dei rappresentanti altoatesini fosse presente? E’ una mancanza di di rispetto e di sensibilità che deve farci riflettere. Forse per qualcuno quel tragico capitolo della nostra storia non è ancora chiuso e degno dei giusti onori. La cosa mi rammarica e mi preoccupa”, aggiunge Bond.

“Questa mattina erano presenti tutte le autorita’ militari e la rappresentanza nazionale dell’Ana a dimostrazione dell’alto valore storico e simbolico della giornata”, racconta Bond. “Come al solito è stata una commemorazione intensa e densa di significato. Purtroppo lo è stata per molti ma non per tutti come invece dovrebbe essere”.

“Da domani mi muoverò per fare in modo che il Consiglio regionale del Veneto invii una richiesta ufficiale di chiarimenti a Bolzano e prenda una posizione in merito. Allo stesso tempo chiedo che il Prefetto di Belluno si attivi con il suo parigrado bolzanino perchè un simile atteggiamento deve essere ripreso e condannato per le vie ufficiali”.

“Finchè come presidente del Consiglio bolzanino c’era Mauro Minniti, una rappresentanza istituzionale era sempre garantita. Oggi nessuno in Alto Adige sembra essersi ricordato di uno dei più vili attentati degli ultimi decenni. Di fronte a questi episodi della storia non ci dovrebbero essere né confini territoriali né tanto meno confini politici e partitici. Spero si possa ristabilire un percorso comune responsabile e maturo visto che, fino a prova contraria, apparteniamo tutti alla stessa Repubblica”.

Share

10 comments
Leave a comment »

  1. E’ l’ora che i nostri portino risultati per Belluno invece che pensare agli altri.

  2. Il terrorismo e i morti innocenti dovrebbe essere un problema x tutti.

  3. Non c’è dubbio. Soprattutto se sono figli di epoche fosche e poco chiare.

    Ciò non toglie che siamo nel 2013 e chi prende 15000 € al mese deve fare i nostri interessi. Al momento le valli bellunesi sembrano il terzo mondo, più che occidente.

  4. va bene che siamo sfigati ma smettiamola di osannare sti’ cazz. di altoatesini che hanno 1000 VOLTE il nostro badget (serie: ti piace vincere facile).
    ricordatevi che se al TAA domani gli tolgono l’autonomia (cosa non scontata) hanno da mantenersi un’apparato gigantesco e sono rovinati.

    il bellunese sarà sfigato ma non ha mai fatto del male a nessuno e nessuno gli ha mai regala nulla.
    Si chiama rispetto e amor proprio.

  5. Cleber: gli unici che di sentono sfigati sono i bellunesi stessi perchè traditi da generazioni di governanti scarsi. Noi non ci sentiamo sfigati: per questo vogliamo l’Autonomia!

  6. si, ma senza ruffiananci nessuno, men che meno con chi si trastulla con bilanci da MILIARDI di EURI con arroganza, prepotenza e INFISCHIANDOSENE dei vicini. Probabilmente quando avranno bisogno di alleati ci faranno ponti d’oro.

    Se tieni conto che i veneti e i romani sono x noi nefasti capirai anche che il termine “sfigato” calza a pennello.

  7. Mi sembra che i ruffiani siano i bellunesi col cappello in mano a venezia.

  8. a venezia o a bolzano sempre leccapiedi sono

  9. Mi sembrano notizie per distogliere l’attenzione dal disastro bellunese sul lavoro, sul turismo, sulla sanità, sui trasporti.

  10. hai ragione francesco questi vogliono solo distogliere l attenzione dai veri problemi di questa terra che loro ovviamnete non affrontano e sanno affrontare
    incapaci