Monday, 17 December 2018 - 13:58

Aperitivo bibliotecario con Pier Paolo Pasolini Venerdì 14 giugno, dalle 19.15 alle 20, a Palazzo Crepadona

Giu 12th, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Prosegue l’appuntamento con gli “Aperitivi bibliotecari” organizzati dalla Biblioteca civica di Belluno, allo scopo di far conoscere e valorizzare le raccolte dell’istituzione culturale.

Il sesto appuntamento, a cura di Silvia Zanna, sarà dedicato alla figura di Pier Paolo Pasolini (Bologna 1922 – Roma 1975), noto scrittore, poeta, regista, sceneggiatore, attore, paroliere e giornalista.

Attraverso la presentazioni di alcune opere di Pier Paolo Pasolini (da Poesia a Casarsa ad Accattone) e alcuni testi a lui dedicati, si cercherà di ricomporre il profilo di uno tra gli intellettuali più originali della cultura italiana del XX secolo. In particolare si osserverà come tra gli anni Quaranta e gli anni Sessanta l’amore per l’Italia reale e per la realtà, prima contadina poi sottoproletaria, messa in pericolo e poi distrutta dalla civiltà dei consumi, abbia spinto Pasolini a scegliere il cinema come strumento privilegiato per contrastare l’ondata omologante della civiltà di massa.

L’incontro è basato sulla presentazione di libri, interviste e stralci di film e si terrà venerdì 14 giugno dalle 19.15 alle 20.00 a Palazzo Crepadona nella sala di lettura della Biblioteca. Info: tel 0437948093 e-mail: biblioteca@comune.belluno.it

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. […] Fonte articolo: Bellunopress […]

  2. Gentili Amici,
    C’ è chi ha lasciato, per cento giorni, un lavoro proficuo, di fotografo pubblicitario, ed ha seguito Pierpaolo Pasolini e la sua troupe in Medio Oriente nella realizzazione del film “Il fiore delle mille e una notte”, realizzando un documento unico nella storia del Cinema e della Fotografia.

    L’ ha fatto Roberto Villa, un Maestro della Fotografia Italiana, che NON è conosciuto per le Mostre, i Concorsi o le presentazioni fatte da amici, ma che è conosciuto dai Grandi del Cinema, i premi Oscar, (Registi, Sceneggiatoti, Scenografi, Critici) con i quali dialoga abitualmente dei problemi linguistici del cinema cosiccome ne ha parlato, per oltre tre mesi, con un Grande come Pierpaolo Pasolini.

    Oggi, questo formidabile documento fotografico, è richiesto dalle Grandi Cineteche Internazionali, dalla Cineteca di Bologna, che ha istituito un Fondo a nome di Roberto Villa, alla Cinemateca di Buenos Aires, al Museo da Imagem e do Som di Sao Paulo in Brasile, al MoMA di NY (unico fotografo Italiano che sia mai stato invitato) e cosivvia.

    Nel 1968 Gillo Dorfles aveva tacciato pubblicamente, al Teatro dell’ Arte a Milano, i fotografi di Ignoranza …

    Recentemente Dorfles ha incontrato Roberto Villa r gli ha fatto, ancora una volta, i suoi complimenti per quel ciclopico do documento di Cinema e Fotografia.

    Forse il Maestro Roberto Villa avrebbe dovuto essere più “autocelebrativo” e più “presenzialista” ed essere più “Commerciale” e “Commerciabile”!
    Ma, forse, sarebbe solamente INUTILMENTE FAMOSO come tanti altri ” fotografi”!
    http://www.robertovilla.eu/isfahan–il-fiore-delle-mille-e-una-notte–moschea-set—pasolini—foto-roberto-villa.html

    Laura Longo

    Allegherei due Pdf relativi alla mostra in atto a Buenos Aires nonché il link dell’intervista radiofonica fatta da Caritina Cosulich, la responsabile e conduttrice, di una trasmissione in italiano per l’ emittente RAE, la ex RAI: http://rae.radionacional.com.ar/category/italiano/