Monday, 17 December 2018 - 22:33

Appia. Salvi gli installatori di impianti di energia rinnovabile

Giu 4th, 2013 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina

AppiaIl Decreto Legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia approvato venerdì 31/5 u.s. dal Consiglio dei Ministri ha introdotto, all’articolo 17, sostanziali modifiche al sistema di qualificazione degli installatori di impianti alimentati da energie rinnovabili.

“Le modifiche apportate consentono – dice Mirko Guerra Presidente degli installatori dell’ Associazione Provinciale Piccola Industria Artigianato – la qualificazione automatica, oltre che ai Responsabili Tecnici in attività abilitatisi ai sensi delle lettere a), b) e c) dell’art. 4, comma 1 del DM 37/08, anche dei Responsabili Tecnici in possesso della lettera d) cioè che hanno almeno 3 anni di esperienza come operaio specializzato. E’ una importante vittoria ottenuta dalla CNA e dalle altre associazioni di categoria che ci gratifica particolarmente visto l’impegno che come Appia abbiamo messo nel contrastare una normativa che di fatto era incostituzionale e ledeva il diritto di libera concorrenza.”

Si corona così con successo l’intensa attività che è stata compiuta in questi mesi per evitare che circa 80.000 imprese in Italia, delle quali circa 400 nel bellunese, la cui unica colpa era quella di avere Responsabili Tecnici abilitati ai sensi della lettera d), venissero escluse dal mercato dell’installazione di impianti FER.

“E’ un successo – aggiunge Cristian Sacchet Responsabile della categoria – ottenuto grazie alla capacità dell’Unione Installazione Impianti, a tutti i suoi livelli, di aver saputo convogliare attorno a questo problema l’attenzione e l’interesse di deputati e senatori delle diverse forze politiche le cui mozioni ed interrogazioni parlamentari hanno indotto il Governo a modificare l’art. 15 del D.Lgs. 28/2011.”

L’ufficio Categorie dell’Associazione, è a disposizione per gli installatori che volessero verificare la correttezza dell’adeguamento dei requisiti professionali rispetto alla nuova normativa.

Share

Comments are closed.