Wednesday, 19 December 2018 - 13:23

Bonus casa. Moreno De Col: “Bene, ma migliorabili”

Giu 2nd, 2013 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina
Moreno De Col presidente Appia

Moreno De Col presidente Appia

La riconferma, con modifiche, delle agevolazioni per gli interventi sul risparmio energetico e sulle ristrutturazioni è il primo intervento del governo Letta che va nella giusta direzione di favorire la crescita.

A sostenerlo è il presidente dell’Appia Moreno De Col che esprime un giudizio positivo sul decreto legge approvato venerdì scorso dal Consiglio dei Ministri.

“ Se per le ristrutturazioni, oltre alla proroga a tutto il 31 dicembre 2013, nulla cambia in quanto si conferma la detrazione Irpef del 50% e il tetto di 96.000 euro degli importi che possono usufruire dello sconto, novità significative sono previste per gli interventi di efficentamento energetico. Per questi l’agevolazione passa, dal 1° luglio, dal 55% al 65% e avrà validità fino al 31.12.2013 con l’eccezione delle ristrutturazioni importanti effettuate ai fini energetici nei condomini che potranno essere attuate con la nuova detrazione al 65% per tutto il 2014. Alcuni tipi di interventi non saranno più agevolabili e ci sarà una riduzione generalizzata anche se non particolarmente penalizzante dei limiti di spesa.”

“ Considerato, – continua De Col – che il decreto contiene anche una misura specifica che agevola con la detrazione del 50% le spese di acquisto fino a 10.000 euro di mobili legati ad un intervento di ristrutturazione, è da ritenere che le misure adottate siano in grado di attivare nuovo lavoro per una tipologia di imprese molto ampia. Non mancano comunque anche alcune osservazioni critiche che ci auguriamo possano essere prese in considerazione in sede di conversione del decreto legge. Le opere di prevenzione antisismica, ad esempio, che attualmente godono della detrazione del 50% hanno bisogno per una ampia diffusione di un bonus rafforzato al 65%. Il passaggio, poi, dal 55% al 65% dovrebbe decorrere dalla data di pubblicazione del decreto in Gazzetta e non dal 1° luglio, con il rischio più che concreto che ci sarà un ritardo nel pagamento dei clienti che vorranno sfruttare, non pagando nel mese di giugno, l’aliquota maggiorata operativa da luglio.”

 

 

Share

Comments are closed.