Tuesday, 23 January 2018 - 21:19

Tagli: la Provincia non rinnova la convenzione con il Soccorso alpino. Fabio Bristot: “Pensavamo di valere come organizzazione che nel 2012 ha salvato 899 persone”

Mag 29th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

“La Provincia di Belluno ha finalmente e gentilmente risposto alle sollecitazioni effettuate recentemente dal Soccorso Alpino Dolomiti Bellunesi circa la necessità di rinnovare la convenzione scaduta il 31 dicembre 2012, riferendo che la stessa non verrà rinnovata per difficoltà ascrivibili ai tagli che l’Ente Provincia a subito con le varie spending review”.

Lo scrive in una nota il responsabile provinciale del Cnsas, Fabio Bristot (Rufus)

“Ancorchè la scelta sia legittima, ed al di là dell’aspetto economico, pensavamo di poter valere, come organizzazione che rappresenta da 60 il territorio delle Dolomiti ed ha effettuato solo l’anno scorso n. 790 interventi di soccorso, traendo in salvo n. 899 soggetti e impegnando n. 3.934 Operatori, il rinnovo dell’atto convenzionale.

Pensavamo anche di poter valere quel 1/80 ca. che è la cifra rappresentata dal corrispettivo della vecchia convenzione rispetto a quanto stanzia annualmente la Provincia di Trento che, fatte le debite proprozioni nel merito (statuto, ma anche conoscenza di cosa sia e faccia il CNSAS…) batte quella di Belluno 80 a 0. Ma si sa le montagne sono diverse.

Resta dunque l’amaro in bocca – conclude Bristot – , sensazione davvero sgradevole che in ogni caso fa riflettere su cosa siano, pur in una congiuntura complessa, le priorità”.

Share

12 comments
Leave a comment »

  1. …e la carretta Italia continua ad imbarcare acqua… ed i Dolomitici a pagarne le conseguenze…

    Belluno autonoma nel Veneto indipendente subito!

    “C’è un limite oltre il quale la pazienza cessa di essere virtù”
    Edmund Burke

  2. Massimo, toglimi una curiosità: tu ci credi veramente a quello che scrivi?

  3. Alcuni dicono che il cambiamento deve farlo il paese; ciò è incontestabile. Ma il paese è composto di individui, e poniamo il caso che tutti aspettassero il paese senza far nulla, il cambiamento non avverrebbe mai; invece se tutti dicessero: la rivoluzione/cambiamento deve farla il paese di cui io sono una particella infinitesimale, epperò ho anche la mia parte infinitesimale da compiere, e la compio, il cambiamento sarebbe immediatamente gigante…

  4. Via i commissari.

  5. Caro Massimo, fra cent’anni morirai italiano, stanne certo!

  6. Questi sono commissari liquidatori che nessuno ha votato.
    Se ne vadano subito.

  7. Tagli ciechi e cinici……brrrrrrrrr

  8. Qualcuno dovrebbe chiedersi come mai la Provincia è senza un Presidente, una Giunta e un Consuglio. Qualcuno ha sfiduciato un anno e mezzo fa, e ora si lamentano. Bravi.

  9. Sono comunque d’accordo con Massimo “Max” Vidori, prima l’Italia esce sal Veneto, meglio è, per il Veneto.

  10. Sarà Ronald Wilson Reagan (1911-2004) il primo presidente del Veneto indipendente?!

  11. Sicuramente no, ma uno che rappresenta il Popolo Veneto, sì.

  12. Derrière plusieurs semaine de besoins, notre équipe
    de quatre joueurs a new décidé sobre trouver elle même votre solution put obtenir dieses gemmes.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.