Sunday, 16 December 2018 - 05:18

Specificità. Bond: “Attuiamo lo Statuto partendo dal turismo”

Mag 29th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

dario bond - CopiaLa nuova legge quadro sul turismo potrà essere il banco di prova per la specificità della Provincia di Belluno. Questo l’obiettivo dell’emendamento presentato dal capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond nel corso della discussione sulla nuova disciplina del comparto turistico.

Un secondo emendamento istituisce un tematismo dedicato espressamente alle sole “Dolomiti”, scorporando la dicitura “montagna veneta”.

“Vogliamo agganciare l’attuazione della specificità all’adozione di questa legge quadro, anticipando in questo modo – almeno per la materia del turismo – i decreti attuativi allo Statuto”.

Gli emendamenti prevedono oltre al conferimento delle funzioni anche il trasferimento delle necessarie risorse finanziarie all’ente Provincia. “Non si tratta di una fuga in avanti, ma di un vero e proprio banco di prova, una sperimentazione che si rende necessaria anche alla luce dei flussi turistici che vedono l’area dolomitica bellunese soccombere di fronte ai dati delle aree vicine del Trentino-Alto Adige. Servono nuovi strumenti e nuovi margini di manovra”.

Altro capitolo l’individuazione di un tematismo specifico per le Dolomiti: “La bozza di legge della giunta prevede un tematismo unico per Dolomiti e montagna veneta, visione che vogliamo superare. Le nostre montagne meritano un trattamento diversificato per poter competere davvero con le altre realtà dell’arco alpino. Un tematismo specifico permetterà di avere una cabina di regia unica e risorse dedicate”.

Non mancano poi altri aspetti: “Sono fiducioso anche per quanto riguarda la nuova disciplina sull’albergo diffuso e quella sui bed & breakfast, che dovrà essere ritagliata ancora di più addosso alle esigenze della nostra montagna”, prosegue il capogruppo del Pdl.

“La Regione dovrà assumere un forte ruolo di programmazione, valorizzando gli aspetti organizzativi locali. “Questo disegno di legge deve diventare un’opportunità di sviluppo per la montagna bellunese. Non possiamo continuare a perdere centinaia di migliaia di turisti ogni anno e regalarli ai nostri vicini”, conclude Bond.

 

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Staremo a vedere.

  2. Se un consiglire di maggioranza (partitica) è costretto a chiedere emendamenti per la propria minoranza territoriale vuol dire ancora una volta che con il veneto non abbiamo niente a che fare e che da “specifici” montanari è meglio che che ci arragiamo.

  3. basta che parta…