Monday, 24 September 2018 - 15:44

Operazione trasparenza 5 Stelle. L’onorevole Federico D’Incà restituisce 8.712,16 euro in un mese e mezzo

Mag 18th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Federico D'Incà

Federico D’Incà

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel Mondo” scriveva Gandhi. La trasparenza, la coerenza e la sobrietà prima di tutto”.

Esordisce così l’onorevole Federico D’Incà, del Movimento 5 Stelle, nel rendere pubblici i compensi percepiti in qualità di deputato, nonché la quota  restituita.

“Come sottoscritto e promesso in campagna elettorale – recita la nota – , il cittadino portavoce del Movimento 5 Stelle Federico D’Incà (Camera) presenta il primo resoconto su stipendi e diarie. 

In totale per il periodo 15 marzo-30 aprile 2013 Federico D’Incà restituirà tra risparmi allo Stato e donazioni al fondo di solidarità 8.712,16  euro

 

I RESOCONTI

INDENNITÀ PARLAMENTARE: RISPARMIO 2.753,63 EURO  – Nel suo primo mese e mezzo di mandato Federico D’Incà ha ricevuto una indennità da parlamentare totale di 7.688,63 euro. Di questa ha messo da parte per la restituzione 2.753,63 euro. Trattenendo per sé 4.935,00 euro (pari a 5.000 lordi mensili al netto dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali). Inoltre la quota di 1.202,35 euro per il trattamento di fine mandato, a fine legislatura verrà restituita come impegno sottoscritto con gli elettori.

DIARIA, SPESE RELATIVE A RIMBORSO DELLE SPESE DI MANDATO, SPESE DI TRASPORTO E VIAGGIO, SPESE TELEFONICHE: RISPARMIO DA RESTITUIRE 4.756,18 euro

DETTAGLIO DIARIA SPESE RELATIVE – Degli 11.784,06 euro a disposizione per diaria e spese in questi primi mesi ha avuto le seguenti spese. Per alloggio, vitto e spese di trasporto locale tra il 15 marzo e 30 aprile 2.244,17 euro. Per acquisto di strumenti informatici quali computer, custodie, antivirus e licenze office per il mandato 1.216,73  euro (tutte spese autorizzate per esercizio di mandato). In trasporti e viaggi di lunga percorrenza 855,78. Spese telefoniche 140 euro (dal 10 maggio è stato stipulato un contratto telefonico con compagnia telefonica del valore di 53 euro mese). Altre spese per l’esercizio del mandato 771,2. Le spese di collaborazione parlamentare in questo primo mese e mezzo di mandato sono state di 1.800,00 euro. Il totale delle spese rendicontate sostenute è pari a 7.027,88 euro. La restituzione della parte della diaria per questo periodo di tempo sarà quindi pari a 4.756,18 euro.

TOTALE RISPARMIO: 8.712,16  euro – E’ questa in totale la somma delle quattro voci di risparmio e restituzione così composte: 2.753,63 da indennità parlamentare, 4.756,18 di restituzione diaria e spese su rimborsi e 1.202,35 euro di fondo trattamento fine rapporto che verrà restituito a fine mandato e non percepito.

Invitiamo tutti gli altri parlamentari bellunesi a fornire mensilmente i dettagli di ogni spesa – precisa la nota del Movimento di Beppe Grillo –  e mettere in campo gli  stessi risparmi attuati dai parlamentari del Movimento 5 Stelle.

 

TOTALE RISPARMI MOVIMENTO 5 STELLE IN PARLAMENTO

10 MILIONI ANNO  + 42 MLN DA  RIFIUTO RIMBORSI ELETTORALI PER QUESTA LEGISLATURA

42 milioni di euro di rimborsi elettorali rifiutati alle ultime elezioni politiche

5 milioni di euro l’anno derivanti dal dimezzamento dell’indennità parlamentare*

3,5 milioni di euro l’anno derivanti dalla rinuncia alle spese generali aggiuntive (telefoni, taxi etc)**

1,6 milioni di euro l’anno derivanti dalla rinuncia all’indennità di fine mandato***

175mila euro l’anno derivanti dalla rinuncia alle indennità di carica dei presidenti, dei vicepresidenti e dei questori****

+ quello che resta dalla rendicontazione della diaria/spese di ogni parlamentare.

 

TOTALE STIMA ESCLUSA RESTITUZIONI DIARIA DA RENDICONTAZIONE: 52,275 MLN EURO di cui 42 da rifiuto rimborsi.

*Quota restituzione media calcolata per 163 parlamentari per 12 mensilità.

**Quota media rinuncia indennità accessorie al netto spese per 163 parlamentari e 12 mensilità.

***Quota media calcolando quota mensile versata e dato che indennità è pari a 80% dell’indennità parlamentare.

****Vice presidente Camera e Questore Senato eletti rinunciano a indennità aggiuntiva mensile di carica di 3.112 euro. Questore inoltre rinuncia ad appartamento Questore. Entrambi rinunciano ad auto blu. Rinunciano ad indennità aggiuntiva di carica anche i 19 parlamentari M5S eletti vice presidenti di Commissioni eletti (555 euro mese) e 22 segretari (277 euro mese).

 

TOTALE RISPARMIO di 14 parlamentari M5S Veneto in 1 mese e mezzo (marzo-aprile): circa 140.000 euro (una parte di questi è del TFR che verrà restituito circa 14.000 euro accantonati in 1 mese e mezzo). Nel primo mese e mezzo hanno risparmiato e rinunciato a circa 125.000 euro che andranno in fondi di solidarietà e altri 14.000 di trattamento fine rapporto restituito a fine mandato.

 

Share

35 comments
Leave a comment »

  1. E chi se ne frega: cosa ha fatto in pratica per Belluno in questo periodo?

  2. Ieri D’Incà era presente alla riunione meet up a Belluno con i membri del Movimento 5 Stelle della provincia: si è fatto il punto della situazione e si è parlato dei progetti futuri da sviluppare insieme. L’attenzione che il neo deputato intende dare al territorio è massima, nonostante il suo grande impegno a Roma. Per rimanere aggiornati si può seguire il sito http://www.federicodinca.it

  3. Hanno risparmiato tanto e su tutto che si sono permessi anche il lusso di regalarci un Berlusconi nuovo di zecca.
    Grazie, anche se noi cittadini avevamo bisogno di altro tipo Lavoro( se Grillo sa coosa vuol dire) e cambiamento legge elettorale.

  4. Grazie finalmente un po di trasparenza, aspettiamo un sito dove poter vedere giorno per giorno cosa effettivamente viene fatto da ogni parlamentare.Grazie ancora e buon lavoro.

  5. Rispondo a Silvano,solite puerili cretinate…Berlusconi ti è stato regalato,bello lucido rimesso a nuovo,in primis da quella massa di elettori che non sono in grado di intendere e di volere e poi dal defunto partito democratico,che da anni governa con il PDL,recitando la parte della forza politica di opposizione al Cavaliere di Arcore.Chi afferma ancora stronzate del tipo:avete detto sempre no al PD contribuendo alla rinascita del PDL,dimostra di essere un grandissimo analfabeta politico,e purtroppo in Italia ce ne sono diversi milioni!

  6. Il gesto di D’Incà è molto nobile. Come pure quelli degli altri parlamentari 5Stelle quando restituiranno quel denaro.
    Rischia però di essere poco più che simbolico perché l’incidenza di tali gesti è superficiale rispetto alle mosse che vanno alla radice di chi può gestire il governo o i ministeri.
    La scelta dei 5Stelle è stata questa, hanno rifiutato le proposte di Bersani (umiliandolo) per un mese intero, poi in extremis hanno cercato di metterci una pezza candidando Rodotà e prospettando le “praterie per il governo”, ma era già troppo tardi…
    Ora ci troviamo un governo azzoppato che non potrà fare granché proprio per la sua natura contraddittoria, ma non rimaneva altro da fare.
    Ora Grillo rincorre gli elettori del PD dicendo “strappate quelle cazzo di tessere e venite da noi perché la pensiamo allo stesso modo…”.
    Il governo PDL – PD meno L era stato chiesto a gran voce da Grillo fin dal giorno dopo le elezioni, lo ha voluto e c’è riuscito.
    Come vediamo la lista di errori 5Stelle è lunga…
    Ma fare un po’ d’autocritica mai? 😀

  7. E’ il PD che ha rifiutato le proposte del Movimento 5 Stelle, non viceversa. E’ il PD che si è suicidato, non il M5S che l’ha ucciso. Evitiamo di ripetere la cantilena diffusa dai mass media che la responsabilità dell’attuale situazione politica è responsabilità del Movimento 5 Stelle. La responsabilità di questa tragica situazione è solo dei partiti che hanno governato negli ultimi 20 anni e che ora DEVONO FARSI DA PARTE.
    Il gesto di D’Incà e di TUTTI i parlamentari del M5S vuole servire da esempio e se tutti gli altri lo seguissero, potremmo risparmiare 560 milioni di euro in 1 anno. Direi che ora come ora quindi, l’autocritica dovrebbero farla tutti tranne gli esponenti del Movimento 5 Stelle!

  8. Soldi sprecati per un Bellunese che vuole togliere l’unico ente che può dare rappresentanza alla montagna e non ha nessuna, dico nessuna idea per la montagna.

    e come farebbe visto che prende gli ordini da uno di Genova?

  9. Rispondo a Matteo Gracis (che per chi non lo sa collabora con il deputato, quindi la sua posizione è parziale, cioè di parte) .
    La colpa è di tutti e due , non solo del pd, ma anche del M5S.
    Volevate uno-due-tre ministeri? Dovevate dirlo in diretta streaming dove, invece, avete solo reclamato un vostro governo monocolore. Altrimenti a che serve la trasparenza in diretta?
    “DEVONO FARSI DA PARTE perché HANNO GOVERNATO NEGLI ULTIMI 20 ANNI”. E’ un argomento debole. E poi quanti anni fa (meno di 10 o sbaglio?) grillo voleva candidarsi alle primarie Pd?
    I vostri (pd e M5S) errori ci hanno consegnato a B. di cui voi stessi dicevate di volervi liberare.
    Bene per i soldi risparmiati, sono molti, sono un buon esempio e sono motivo di scandalo. Ma perché non avete accettato gli 8 punti di bersani che erano coerenti con i vostri? Vi interessa di più dare il buon esempio o cambiare qualcosa?
    Non è forse che avete avuto paura di governare e avete chiesto una cosa (vostro monocolore) perché la sapevate impossibile? Ha ragione Alpha Centauri: grillo voleva il governo Pd Pdl. e ce l’ha fatta. Un po’ troppo facile la vs posizione….
    Dai, ora è ora di crescere!

  10. Leggo dal resoconto del deputato: “Per acquisto di strumenti informatici quali computer, custodie, antivirus e licenze office per il mandato 1.216,73 euro”.
    Bene, lo sa il deputato che ci sono categorie di lavoratori (insegnanti) che se voglion o usare il computer in classe (per le nuove opportunità della multi-medialità, per l’OBBLIGATORIO REGISTRO ELETTRONICO DAL PROSSIMO ANNO) devono acquistarselo a proprie spese? Si può impegnare l’onorevole, a fare in modo che anche gli insegnanti abbiano una somma a disposizione per acquisti analoghi? tenendo conto che l’antivirus si trova gratuitamente on-line, al posto di office potrebbero, gli insegnanti, usare open-office che è free; e per la custodia … spazio alla fantasia.
    Grazie, di cuore!

  11. L’M5S ha riconsegnato il Paese a Silvio Berlusconi…

  12. @Matteo Gracis: L’M5S ha già presentato un ddl per l’abolizione delle province: è questa la massima attenzione che l’M5S dà al territorio bellunese?!

  13. L’incontro fra il presidente incaricato Bersani e la delegazione di 5Stelle durante le consultazioni è stato registrato e tutti lo abbiamo potuto e possiamo rivederlo.
    Altre trattative sottobanco non ce ne sono state altrimenti sarebbero state immediatamente denunciate dai 5Stellati.
    E allora di cosa mi viene a parlare Matteo Gracis?
    Quante bugie vuoi dire Matteo? Guarda che hanno le gambe corte 🙂
    La registrazione è in rete, vai a cercarla, se non capisci qualcosa fattela spiegare, lì non sono a Ballarò, lì, in quel luogo istituzionale quelle persone hanno deciso se poteva o no nascere un governo e qualcuno ha deciso che non doveva nascere e quel qualcuno non è stato Bersani.
    Non dire balle s’il vous plaît.

  14. Beccatevi il link, ancora più facile, noterete nell’introduzione di Bersani, che lui non auspica nessun governissimo, anzi lo rigetta, “lui non lo farà” e infetti si è dimesso pur di non farlo.
    Il paradosso che di fianco ha Letta che invece lo farà.
    E’ strato quello il momento per EVITARE il governo – inciucio.
    DOPO che avrete guardato, potrete giudicare chi ha deciso di mandare Berlusconi al governo!

    http://www.youtube.com/watch?v=sQ_ED1esQf0

  15. Il M5S di Belluno è contro la montagna e l’autonomia. Solo per questo è da ritenersi dannoso per le comunità che vivono sulle Alpi.

    Inoltre, se ne guardano bene da toccare le autonomie speciali di Trento e Bolzano.

  16. Tessarolo ineguagliabile!
    1- Veltroni è del PD;
    2- col senno di poi tutti sono bravi a fare i professori anche Veltroni e Tessarolo che non possono permetterselo;
    3- i 5Stelle non hanno mai detto che avrebbero appoggiato un “governo” come quello paventato da Veltroni e Tessarolo (accoppiata vincente), dicevano piuttosto “MAi con nessuno” ricodate Veltroni e Tessarolo?;
    4- Bersani aveva aperto a ridiscutere i punti, lo dice nel colloquio consultivo, ma ha ricevuto solo NO secchi;
    5- Tessarolo non è l’uomo ragno e non può scalare le vetrate e prendere una volta Fassino e una volta Veltroni come ispiratori del pensiero PD, in quel momento il segretario era Bersani ed a lui è stata sbattuta la porta in faccia.
    6- Ora abbiamo il PDL al governo e sappiamo chi ringraziare.

  17. Sembravano la cura, ma questi 5S sembrano ridicoli: lavorate per noi, invece di giustificare gli scontrini del bar. La montagna sta morendo svegliatevi o dimettetevi.

  18. Ammesso e non concesso quello che sostiene Tessarolo sulle passate legislature, non vedo proprio cosa ci incastri con quello che è accaduto in QUESTA legistlatura ed è ancora sotto gli occhi di tutti.
    Molto comodo cambiare discorso 😀

  19. Eh no Tessarollo! D’incà è stato eletto qua. Se deve pensare solo all’italia si vada a far eleggere altrove.

  20. PS: Tessarollo, la gente ha votato Grillo per mandare via la CASTA non certo per eliminare la provincia di Belluno o perchè non crede all’autonomia. Casomai siete voi non bellunese a non crederci!

  21. Peccato che l’operazione trasparenza non ci dica minimamente cos’abbia fatto finora in Parlamento e quante energie abbia speso in Parlamento per la terra che l’ha eletto…

  22. Tanto di cappello all’onorevole D’Incà. Di tutti i parlamentari bellunesi,è l’unico che finora ha reso trasparente quanto percepito e quanto in restituzione. Perchè dunque non pretendere lo stesso da Bellot, De Menech e Piccoli? Andare a questionare sull’antivirus mi sembra davvero puerile dimostra che non si ha altro da contestare e, soprattutto, non sia il coraggio di chiedere sobrietà agli eletti di cui sopra!!!! Sulla provincia c’è ancora molta confusione e si strumentalizza qualunque cosa.
    Forza D’Incà, continui così. Sappiamo che non ci deluderà!

  23. Strano che mezzi del M5S non siano Bellunesi. Poi ci si chiede perchè non facciano i nostri interessi…

  24. Non solo scontrini… http://www.federicodinca.it/2013/05/20/non-solo-scontrini-principali-attivita-parlamentari-della-settimana-1016-maggio/
    Buona lettura!

  25. Quali sarebbero i nostri interessi, Andreas? mantenere una Provincia (per altro commissariata ora), forse? Gli interessi dei bellunesi sono l’implementazione dei servizi a prescindere dalla Provincia come ente locale territoriale. Il M5S ha sempre affermato di non volere le Province come enti (infatti non si è mai presentato alle elezioni provinciali, per coerenza… cosa che i vari partiti non conoscono nemmeno), ma questo non si deve confondere con il servizio al cittadino!
    Finiamola di dare colpe che non hanno al M5S, ai suoi rappresentanti e a D’Incà e basta strumentalizzare qualunque cosa.

    Per finire, onorevole D’Incà , le rivolgo la mia massima stima e rispetto con la speranza che, prima o poi, anche gli altri bellunesi aprano gli occhi!

  26. Rita: forse è lei che non ha la minima idea di cosa voglia dire amministrare. Chi difende i diretti di una minoranza che vive in montagna (200 mila abitanti) in una regione di pianura di 5 milioni se non gli si dà rappresentanza?
    Come pensa di difendere sanità, trasporti, scuole, investimenti? Con gli scontrini del bar di Montecitorio?

    Svegliatevi, prima che sia troppo tardi.

  27. @Matteo Gracis: non vedo nessuna iniziativa per il bellunese!

  28. Concordo con Lino al 100%

  29. @Matteo Gracis: non sapevo che il Friuli avesse una centrale nucleare!

    Centrale nucleare Krsko (Friuli)

    http://www.federicodinca.it/2013/05/20/non-solo-scontrini-principali-attivita-parlamentari-della-settimana-1016-maggio/

  30. @Rita: quali sarebbero allora le iniziative dell’M5S per “l’implementazione dei servizi” nel bellunese?

  31. MA voi di M5S conosciete il territorio bellunese? O fate finta di non vedere? Se l’Italia sta morendo qui siamo già praticamente defunti ! E smettetela di pararvi dietro alle direttive del vostro “genio” genovese. Qui abbiamo bisogno di risposte per il territorio da gente del territorio, non di follie calate come vangeli da “stranieri” !

    Finora le iniziative di M5S per il territorio di belluno sono la sua cancellazione e relativo bracconaggio delle risorse di cui dispone a favore dei grandi interessi distanti dalla montagna.

    Discutete di scontrini da 1 euro quando le mancate risposte alla montagna stanno creando emigrazione di massa e perdite per milioni…siete quantomeno RIDICOLI !!!

  32. Si nota come non ci sia una sola volta la parola “Belluno” nei lavori di D’Incà.

    Ma certo devono pensare alla nazione questi non alla terra che li ha eletti e urla attenzione prima di scomparire.

  33. I lavori riassunti nell’articolo non sono quelli di D’Incà bensì di tutto il M5S in parlamento. Ribadisco e confermo quanto ho scritto sopra: l’attenzione che il neo deputato intende dare al territorio è massima, nonostante il suo grande impegno a Roma. A breve ci saranno comunicati e iniziative in merito.

  34. Capirai!! Di tutto l’M5S!! L’attenzione per il suo territorio la deve avere a Roma!!!

  35. Il M5S se ne frega di Belluno, è chiaro.