Monday, 16 September 2019 - 04:10
direttore responsabile Roberto De Nart

Sparatoria a Roma. Bond e Cortelazzo: “Vicinanza all’Arma in un momento cruciale per il Paese”

Apr 28th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Piergiorgio Cortelazzo e Dario Bond

Piergiorgio Cortelazzo e Dario Bond

“L’episodio di questa mattina dimostra ancora una volta come i nostri carabinieri siano sempre in prima linea e sempre nel mirino. A loro va tutta la nostra vicinanza e solidarietà”.

A dirlo sono Dario Bond e Piergiorgio Cortelazzo, rispettivamente capogruppo e vicecapogruppo del Pdl in Consiglio regionale del Veneto, dopo la sparatoria avvenuta a Roma poche ore fa.

“In un momento così delicato per il nostro Paese – dove tensioni di varia natura si sommano a un clima di anti-politica preoccupante e generalizzato – il ruolo dei carabinieri e di tutte le forze dell’ordine è cruciale. Per ripartire questo Paese ha bisogno di politiche concrete ma anche di un tessuto sociale solido e sicuro. Ci auguriamo infine che questo ennesimo episodio sia chiarito in tutti i suoi aspetti”.

 

 

Share

5 comments
Leave a comment »

  1. Perche’ i cittadini non lo sono solidali?? che siamo una razza disumana??? gli unici umani siete voi che vivete di politica??? Vedo sempre con piacere che trova tutti i modi per far propaganda.

  2. C’è chi si ammazza e chi spara… la disperazione è la stessa cambia solo che chi si ammazza finisce nel dimenticatoio… Chi spara é un malato psichiatrico… I sani invece sono sempre loro personaggi come Dario Bond che se ne fottono della disperazione che generano Roberto Mosca

  3. Bond pensa a Belun invece che ai massimi sistemi!

  4. In realtà nel mirino erano i politici, solo che come al solito sotto i ferri finisce chi li difende…
    Lungi da me giustificare un tale gesto (la violenza non è mai da giustificare), ma certamente molti politici (tutti) dovrebbero riflettere ogni secondo della loro giornata su quanto ormai abbiano tirato talmente la corda da farla spezzare e su quanto debbano fare per riportare l’Italia sui giusti binari di legalità, giustizia sociale, equità ecc. ecc.
    Ogni politico deve fare la propria parte (e anche di più) e non semplicemente fare proclami e dichiararsi vicino a chi soffre o a chi è “nel mirino”.

  5. SArebbe ora che qualche politico stile bond, denunciasse quando c’e’ un così plateale “INCIUCIO”, allora prenderebbero credibilita’ altrimenti sono niente.