Tuesday, 21 November 2017 - 21:05

Resistere per Ri-esistere, le iniziative del 25 aprile a Belluno

Apr 20th, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina
Claudia Alpago Novello

Claudia Alpago Novello

“A parlare di Resistenza, quest’anno, a Belluno, sono i sassi”, dice l’Assessore alla Cultura Claudia Alpago Novello. Infatti il prossimo 25 aprile il centro storico cittadino sarà invaso proprio da un’ondata di sassi, cioè dall’installazione urbana che gli artisti Aurelio Fort e Alfonso Lentini allestiranno nel contesto delle celebrazioni del 68° anniversario della Liberazione.

Si tratta del momento culminante del progetto internazionale “Resistere per Ri/esistere” che i due artisti hanno lanciato da alcuni mesi coinvolgendo un gran numero di altri artisti e semplici cittadini ai quali è stato richiesto di aderire offrendo la propria firma e la propria impronta digitale.

Grazie al blog appositamente costruito, alla diffusione del progetto nei social network e attraverso il semplice passa parola, le adesioni sono arrivate a pioggia da tutta Italia e da almeno 35 nazioni del mondo”.

Sparsi come corpi alieni per i vari spazi del centro cittadino, saranno posizionati qualcosa come 1001 sassi, ciascuno dei quali conterrà un riferimento all’idea di Resistenza e nel contempo assumerà una sorta di “identità personale” perché porterà impressi nomi, cognomi e tracce dell’impronta digitale di coloro che hanno voluto aderire. In tal modo l’installazione, anche se realizzata da due artisti, prenderà la forma di un’azione collettiva, corale. E la città di Belluno si trasformerà in centro di accoglienza di energie e consonanze provenienti dalle località più diverse, a significare il valore universale (e ancora oggi attuale) dell’idea di Resistenza, un’idea che nasce dallo spirito di fratellanza fra i popoli contro ogni forma di oppressione.

Alla vera e propria installazione si affiancherà una mostra dei lavori creativi inviati spontaneamente e in grande quantità in sostegno al progetto. La mostra – che ha un vero carattere internazionale in quanto comprende opere provenienti dal Giappone dalla Grecia, dagli USA, dall’Iran, dalla Russia, dall’Australia e dalle più diverse parti del mondo – si potrà visitare dal 25 aprile al 4 maggio nei portici dell’Istituto “T. Catullo” di Belluno dove l’intero progetto sarà presentato la mattina del 25 aprile dalle ore 11.00 con interventi di Fort e Lentini e lettura di alcuni brani sul tema della Resistenza a cura dell’attore Sandro Buzzatti.

Composta sostanzialmente di due parti, l’installazione e la mostra, “Resistere per Ri/esistere” è dunque un’azione collettiva, un work in progress che mette in comunicazione una folla di tensioni ideali, a partire dalla valorizzazione di un momento fondante della nostra storia di cittadini italiani, l’abbattimento della dittatura fascista con la Lotta di Liberazione. Attraverso il linguaggio dell’arte contemporanea, quest’anno la Resistenza a Belluno sarà perciò non solo “celebrata”, ma rivitalizzata, attualizzata e arricchita di quei significati aggiuntivi che solo le azioni artistiche possono comunicare.

L’installazione durerà dal 25 al 28 aprile, ma chi vorrà potrà prelevare un sasso e portare con sé un frammento dell’azione. In tal modo si produrrà un’ulteriore ramificazione, una simbolica impollinazione che moltiplicherà e dislocherà il messaggio all’infinito.

Il progetto si svolge in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Belluno e con l’AICS, ed è sostenuto dalla CGIL-Camera del Lavoro, SPI-CGIL, ANPI, ISBREC e Istituto “T. Catullo”.

 

Programma

25-28 aprile

Istallazione Urbana nel Centro Storico

25 aprile 2013 – ore 11.00

Aula Magna Istituto “T. Catullo”, via Garibaldi, 10

– presentazione del progetto

– inaugurazione mostra delle impronte e

dei contributi creativi

– letture di Sandro Buzzatti sul tema della Resistenza

 

Orari di apertura della mostra

nella giornata del 25 aprile

ore 11.00 – 13.00 e 15.00 -18.00

Orari nei giorni successivi

dal lunedì al venerdì: ore 08.00 – 22.00

sabato: ore 08.00 – 13.00

Chiusura il 4 maggio

 

Progetto inserito nelle celebrazioni cittadine del 68° anniversario della Liberazione.

Nella giornata del 25 aprile allo sportello volante delle Poste Italiane in Piazza dei Martiri a Belluno, sarà possibile ottenere la cartolina con l’annullo filatelico figurato realizzato per l’occasione.

indirizzo blog:

http://resisistereper.blogspot.it/

 

Note biografiche

 

Aurelio Fort,

58 anni, nato in Friuli.

Intraprende, fin da ragazzo, un percorso di sperimentazioni espressive, che va dalla fotografia, alla pittura, alla scenografia, alla musica, alla grafica, per dedicarsi quindi esclusivamente intorno ai trent’anni, all’arte visiva.

Prima di stabilirsi nelle montagne bellunesi vive ed opera a Perugia, Trieste, Milano, Roma e Monaco.

La sua ricerca artistica coniuga materia, pensiero e tempo con chiare adesioni all’arte povera e all’arte concettuale, ma si estende liberamente anche in altri ambiti formali e nello spirito di altre esperienze stilistiche e visive.

Dal 1980 ad oggi ha realizzato più di ottanta mostre, installazioni, azioni, progetti e interventi performativi, in Italia, in nord Europa e in nord America.

 

 

Alfonso Lentini

Alfonso Lentini, nato in Sicilia nel 1951, vive a Belluno dalla fine degli anni Settanta.

Formatosi nel clima delle neo-avanguardie artistiche e letterarie del secondo Novecento, è laureato in filosofia ed ha insegnato letteratura italiana e storia. Si occupa di scrittura e di arti visive.

La sua prima personale risale al 1976. Nelle sue mostre e installazioni tenute in Italia e all’estero propone “poesie oggettuali”, libri-oggetto, libri d’artista e in generale opere basate sulla valorizzazione della parola nella sua dimensione materiale e gestuale. Nell’ambito di progetti collettivi sulla poesia curati da Marco Nereo Rotelli e Caterina Davino, ha partecipato due volte alla Biennale di Venezia. Sue opere figurano in musei, archivi, collezioni pubbliche e private.

Fra i suoi libri, due sono stati pubblicati dalle edizioni Stampa Alternativa (Piccolo inventario degli specchi e Un bellunese di Patagonia). Con il romanzo Cento madri (Foschi, 2009) ha vinto il premio letterario “Città di Forlì”. Il suo volume più recente è Luminosa signora, lettera veneziana d’amore e d’eresia (Pagliai, 2011). Nel 2012 ha pubblicato in e-book la raccolta poetica Il morso delle cose (finalista alla XXIII edizione del Premio Montano) a cura della rivista online “La recherche”.

Sue esperienze artistiche insieme a utenti di Centri di Salute Mentale si sono concretizzate nelle mostre “Irregolarmente” (Feltre, palazzo Cingolani) e “Segnali irregolari” (Belluno, palazzo Crepadona). In seguito a un laboratorio di scrittura svolto con utenti del Centro Salute Mentale di Belluno è stato pubblicato nel 2009 il libro Ti racconto formiche mentali.

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.