Tuesday, 21 November 2017 - 21:11

Registro per le Dichiarazioni Anticipate di volontà sui trattamenti sanitari. Due incontri in Sala Bianchi, sabato 20 aprile alle 9.30 per gli operatori sanitari e lunedì 22 aprile alle 20 per i cittadini

Apr 18th, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Prima Pagina, Sanità, Società, Istituzioni

Il Comune di Belluno nei prossimi mesi attiverà il Registro per le Dichiarazioni Anticipate di volontà sui trattamenti sanitari, meglio conosciuto come Testamento biologico e, in attesa della messa a regime, organizza due incontri informativi.

sala bianchiAl primo incontro, fissato in sala Bianchi per sabato 20 aprile, alle 9.30, indirizzato agli operatori sanitari, interverrà il Prof Paolo Benciolini, Presidente Emerito del Comitato Regionale per la Bioetica, già professore ordinario della cattedra di medicina legale dell’Università di Padova, e il dr. Davide Mazzon, vice presidente del Comitato Etico dell’ULSS 1 e della Regione oltre che direttore dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’ULSS 1 Belluno, con la rappresentanza e saluto dei rappresentanti della Federazione Nazionale degli Ordini Medici Chirurghi e Odontoiatri per lo Studio e la Rivisitazione del Codice Deontologico, dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Belluno e del collegio degli infermieri di Belluno, nelle persone della Dr.ssa Roberta Chersevani, del dr. Umberto Rossa e del Signor Luigi Pais Dei Mori.

Nel secondo incontro, lunedì 22 aprile alle 20.00, sempre in Sala Bianchi e rivolto alla popolazione, insieme ai rappresentanti del Comune, il Sindaco e il proponente della delibera, la presidente della commissione terza, dr.ssa Francesca De Biasi e dell’ufficio anagrafe, dr.ssa Anna Favero, in particolare, verrà spiegato alla popolazione come redigere ed archiviare presso l’ufficio preposto le proprie direttive.

Entrambi gli incontri hanno il patrocinio della Ulss 1 e dell’ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri della provincia.

I due appuntamenti hanno lo scopo di informare operatori sanitari e cittadini rispetto allo strumento approvato in Consiglio il 27 dicembre, per dare una possibilità, a chi lo ritenesse, di veder ascoltato il proprio volere in merito ai trattamenti sanitari desiderati, nel caso si trovasse nell’impossibilità di poterlo esprimere.

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.