Thursday, 19 September 2019 - 21:05
direttore responsabile Roberto De Nart

Il gruppo folk Al tei sabato 13 aprile a Sarmede

Apr 10th, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Il gruppo musicale bellunese Al tei, che da anni ricerca e propone un vasto repertorio di musica popolare europea e delle Dolomiti, partecipa alla terza edizione della rassegna Fantasia in note, presso il Teatro Auditorium di Sarmede (TV), il 13 aprile 2013 alle ore 21. La manifestazione si contraddistingue per la varietà dei generi musicali che riesce a far incontrare, all’interno del quale Al tei, con le sue variegate melodie dedicate alla tradizione popolare, aggiunge note di emozioni e di suggestioni tutte da ascoltare e da apprezzare da coloro che amano la memoria, il folclore e la musica dal vivo.

Al tei in ladino significa “il tiglio”, una pianta divenuta figura simbolo per la cultura di gran parte dell’Europa. Il gruppo folk Al tei di Belluno ha scelto questo nome “Al tei” per richiamare alla memoria l’antico uso di piantare un tiglio al centro del villaggio, pratica in uso fra i Celti per celebrare la nascita di una nuova comunità. Il significato attribuito a questo nome rappresenta un valore che accomuna e avvicina culture diverse ma che raccontano la stessa storia. Sotto questo simbolico tiglio si sono incontrati i membri del gruppo Al tei nel 1999. Inizialmente composto da due soli membri con la passione per la tradizione popolare, il gruppo negli anni si è arricchito di nuovi musicisti provenienti da diverse esperienze, back-ground, interessi.

Al teiA seconda dei repertori, la formazione cambia, variando da tre a sei il numero dei musicisti coinvolti e di conseguenza il prezzo. A caratterizzarci è un’ampia varietà di strumenti che danno vita a sonorità particolari: arpa, chitarra, flauti, organetto diatonico, dulcimer, cornamuse, percussioni, violino, mandola, contrabbasso …..ed altri ancora ad accompagnare le voci.

Si è creata una commistione di generi e stili molto diversi fra loro che è diventata la caratteristica principale del gruppo, concentrato comunque sempre da una profonda e seria ricerca storica e musicale nell’ambito della musica popolare e folk, in particolare di quella nata nelle Dolomiti della provincia di Belluno, ma anche quella europea. Il repertorio che presenta va dalle composizioni del Andrea Da Cortà al recupero e alla riproposizione di temi, musiche e danze appartenenti alla tradizione locale ma anche a quella Europea.

Al tei in ladino significa “il tiglio”, una pianta divenuta figura simbolica nella varietà delle culture di gran parte dell’Europa, immagine di unione e socialità per il popolo celtico che usava piantare un albero di tiglio al centro di un villaggio appena fondato. Il tiglio infatti era il simbolo della comunità per i Celti e ancora oggi rappresenta un valore che accomuna e avvicina culture diverse ma che raccontano la stessa storia, come fa il gruppo Al tei Il gruppo folk Al tei di Belluno ha scelto questo nome non a caso per nominare il suo interessante progetto musicale di ricerca e riproposizione di brani e melodie appartenenti alla musica popolare europea, in particolare di quella suggestiva e interessante culla musicale nata e conservatasi fra le Dolomiti della provincia di Belluno. dal 1999, anno di fondazione del gruppo, che da allora nel quale si alternano diversi musicisti, influenze, stili e strumenti musicali, sonorità, a seconda del repertorio proposto, che spazia da composizioni originali del Andrea Da Cortà a musiche popolari locali e dal respiro europeo, musiche per danze popolari a un repertorio sacro natalizio. Propone concerti adatti a sale, teatri, chiese, feste e animazioni all’aperto.

Questa commistione di stili e generi e l’utilizzo di strumenti appartenenti ad epoche diverse ha creato il suono che contraddistingue il gruppo spazi-ando nell’ambito della ricerca della musica popolare e Folk.

Da anni propone repertori che vanno dalle composizioni di Andrea Da Cortà al recupero e riproposizione di temi popolari locali ed europei da ascoltare e danzare fino alla ricerca tra le più interessanti melodie Natalizie. Il lungo lavoro ha portato alla realizzazione di una decina di cd e tanti concerti ed esibizioni in Italia e all’estero.

Il nostro gruppo opera nell’ambito della tradizione popolare, in particolare quella delle Dolomiti della provincia di Belluno, da dove proveniamo e quella Europea, proponendo concerti con repertori differenti adatti sia a sale o a teatri, sia alle Chiese con un repertorio sacro Natalizio, sia a feste e animazioni all’aperto con repertorio adatto anche alla danza.

 

Le proposte per il 2013:

“Ioanin sote l tei”. Varie forme musicali della nostra tradizione montana unite a brani originali ispirati sempre alle Dolomiti. Concerto con 6 musicisti in palco, prevalentemente strumentale, adatto sia al chiuso di un teatro che all’aperto, dove sia possibile un ascolto attento.

“Di fiore in fiore”. Eseguito dalla Compagnia del Bel Bambin, sottoinsieme degli Al Tei, propone un repertorio prevalentemente cantato che accompagna l’ascoltatore in un viaggio che parte da casa nostra, per spaziare poi in tutta Europa, “cogliendo” i più intensi canti tradizionali. Concerto con 4 musicisti in palco, adatto sia al chiuso di un teatro che all’aperto, dove sia possibile un ascolto attento.

“Tanto bel grazioso gilio”. Eseguito dalla Compagnia del Bel Bambin, sottoinsieme degli Al Tei, propone un repertorio sacro Natalizio, prevalentemente cantato, che spazia in tutta Europa e non solo, proponendo una scelta di brani tradizionali poco o per niente conosciuti al grande pubblico. Concerto con 3 musicisti in palco, adatto alla Chiesa o a un teatro.

“Ostaria da Pichet”. Proposto da Andrea da Cortà, si tratta di un concerto dedicato interamente alle sue composizioni, con brani cantati e strumentali tratti dai suoi cd: Ciase guoite, S-cione, Desmenteeve auton ed Ho calpestato l’orma. Un viaggio in bilico fra ricordi nostalgici e quotidiano, dove traspare un forte legame fra l’uomo ed il proprio ambiente. Concerto adatto sia al chiuso di un teatro che all’aperto, dove sia possibile un ascolto attento.

“Si balla!!”. Concerto di musica da ballo. Adatto ad animare feste a ballo, propone le più belle danze tradizionali, valzer scottish, mazurche, polche, danze venete, bretoni, francesi e altro ancora. Concerto con 3 o 4 musicisti in palco adatto a situazioni di festa e intrattenimento sia all’aperto che al chiuso.

 

 

Share

Comments are closed.