Monday, 16 September 2019 - 16:45
direttore responsabile Roberto De Nart

La società Alemagna verso lo scioglimento. Zanoni: «Con il funerale della Venezia – Monaco è stato evitato uno scempio ambientale delle nostre Alpi»

Apr 9th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Andrea Zanoni eurodeputato Idv

Andrea Zanoni eurodeputato Idv

Uno dei cavalli di battaglia della Lega Nord, rispolverato alla vigilia di ogni elezione, sta per essere definitivamente archiviato: il prolungamento dell’Autostrada A27 da Pian di Vedoia (BL) verso Monaco di Baviera non si farà.

L’eurodeputato Andrea Zanoni ha affermato: «Per 46 anni, dalla nascita della Società Alemagna, tanti cittadini sono stati presi per i fondelli con un progetto irrealizzabile. Oggi hanno vinto il buon senso, chi rispetta l’ambiente e la salute preoccupandosi delle future generazioni»

 Dopo 46 anni si scioglie la società Alemagna. Dal 1967, la società è stata mantenuta in vita per alimentare un progetto mai realizzato: il prolungamento dell’Autostrada A27 che avrebbe dovuto collegare Venezia con Monaco di Baviera. Al carrozzone partecipano soggetti pubblici e privati: nell’assemblea ci sono, tra gli altri, la Provincia di Treviso, che con il leghista Leonardo Muraro presiede la Società, la Regione Veneto, tante piccole Amministrazioni locali e le Camere di Commercio di Veneto, Friuli, Trentino.

Oggi, martedì 9 aprile 2013, il Consiglio Comunale di Treviso è chiamato a pronunciarsi sull’ordine del giorno “Società per l’Autostrada di Alemagna – Società per azioni: proposta di scioglimento della Società e dismissione della partecipazione. Indirizzi”, dopo il via libera arrivato dalla Giunta Comunale.

L’altro giorno, la Camera di Commercio di Bolzano aveva inviato una lettera agli enti interessati dal progetto chiedendo un’assunzione di responsabilità, ovvero la decisione di archiviare definitivamente l’idea dell’infrastruttura e di sciogliere la Società che, per oltre quattro decenni, è rimasta nell’immobilità assoluta con un capitale sociale di 312 mila euro in cassa.

Nel 2003, l’attuale Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, allora alla guida della Provincia di Treviso, aveva avviato una sottoscrizione per sostenere la Venezia – Monaco ed aveva raccolto 30 mila firme.

L’eurodeputato Andrea Zanoni, membro della Commissione ENVI Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare al Parlamento europeo ha affermato: «Il prolungamento dell’autostrada, dalla frazione di Pian di Vedoia nel Comune di Ponte nelle Alpi (BL) a Monaco di Baviera, avrebbe comportato 213 chilometri di nuovo asfalto, ma fortunatamente per l’ambiente e la salute dei cittadini ha prevalso il buon senso. Gli Amministratori finalmente hanno messo giudizio anche se ci sono voluti quasi cinquant’anni. Se questa faraonica opera viaria avesse visto la luce, sarebbe stata uno scempio del territorio e ambientale. Ora possiamo affermare che il pericolo è scampato. La Società Alemagna è rimasta sotto gli occhi di tutti per mezzo secolo con gli slogan politici che la sponsorizzavano: una gran presa per i fondelli per tanti creduloni che ad esempio hanno firmato la petizione dell’allora Presidente della Provincia di Treviso, Luca Zaia».

A maggio scorso, il Parlamento europeo ha approvato la relazione Gerbrandy, con la quale ha dato chiare indicazioni alla Commissione europea per arrivare gradualmente entro il 2050 allo stop definitivo dell’edificazione e dell’asfaltatura di territorio agricolo e naturale.

«Con lo scioglimento della società Alemagna hanno vinto i cittadini rispettosi dell’ambiente e del territorio, della salute e delle future generazioni e le indicazioni dell’Europa, che vuole mettere un freno alla cementificazione – ha concluso Zanoni».

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. […] link articolo […]