Monday, 16 September 2019 - 16:16
direttore responsabile Roberto De Nart

Assunzioni, l’Inps promette all’Ancl la semplificazione delle procedure

Apr 8th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

I problemi sollevati dall’Ancl sulle procedure di assunzione hanno trovato risposta dall’Inps, in uno spirito collaborativo che contraddistingue il rapporto fra il sindacato di categoria dei consulenti del lavoro e l’istituto. L’Inps ha chiarito le necessità che stanno alla base della procedura, ritenuta dall’Ancl troppo burocratica, ma ha annunciato che prossimamente questa sarà rivista e sviluppata nello spirito della semplificazione. «La nostra protesta è servita – commenta Roberto Entilli, presidente Ancl Belluno – Ma ribadisco la necessità di una fattiva collaborazione per risolvere i problemi, prima ancora che le aziende da noi assistite ricevano contestazioni che generano panico e mettano in discussione la correttezza dell’operato di noi consulenti del lavoro».
Il caso era stato sollevato dal sindacato territoriale a settembre, soprattutto per quanto riguarda la procedura di assunzione di personale proveniente dalle liste di mobilità, quindi con diritto ad alcune agevolazioni. Una procedura che richiede dei passaggi “doppi”, poiché si devono produrre all’Inps tramite autocertificazione dati già noti all’istituto, comportando quindi dispendio di tempo e denaro da parte delle aziende e dei professionisti che le seguono. Procedura che, dalla promessa dell’Inps, sarà finalmente semplificata. Non meno importante è stato anche il chiarimento da parte dell’Inps sulla tutela del ruolo del consulente del lavoro che opera attraverso i canali tematici dell’istituto con delega specifica da parte del cliente: l’Inps ha precisato, infatti, che il solo e unico responsabile del contenuto delle dichiarazioni di responsabilità rese tramite il portale è il cliente.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Sono pienamente d’accordo nel cercare di semplificare le procedure di comunicazione e di resa dati all’ Inps, per tutte le motivazioni evidenziate dal mio collega Roberto Entilli.
    Sono certa che la collaborazione fra la categoria dei Consulenti del Lavoro e l’ Istituto poterà presto al raggiungimento dell’ obbiettivo prefissato, nell’ottica di una sempre migliore trasparenza nelle informazioni.
    Lara Bortot