Friday, 22 November 2019 - 15:16
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Stallo politico, con il Pensiero unificato di CasaGrillo fastidiosamente vicino all’Unico pensiero di Berlusconi

Mar 30th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Situazione sempre più grave e politica che produce confusione, quello che ci aspetta e’ un’altra “vacanza elettorale” che sarà negativa sotto ogni punto di vista e che potrebbe regalarci un’ulteriore e demenziale ingovernabilità.

Mentre ci pare che il vero problema di oggi siano quei partiti che ci stanno in/coscientemente spingendo verso la peggiore delle soluzioni possibili, un altro voto. Un primo pensiero va quindi rivolto alla “vecchia politica”, quella che di fronte alla tragica realtà sceglie di costruire ed attendere con pazienza quel disastro annunciato che gli darà elettoralmente ragione. Soggetti diversi, ma che ci sembrano connessi da valori comuni.

1) Predilezione per l’unanimismo a tutti i costi, quello che non ammette dissensi ma solo crisi isteriche o adolescenziali.

2) Poche intenzioni di cambiare l’attuale legge elettorale, così si è perfettamente in linea (on-line).

3) Continue e fastidiose sensazioni di essere accerchiati da una moltitudine di orribili nemici, più o meno tutti gli altri umani + animali domestici.

4) Analisi (speriamo ben fatte) che pretendono di rappresentare la complessità dei molti con un pensiero standardizzato e non discutibile.

5) …e poi scomuniche, commissari ideologici, gentili inviti a non esistere ed altro ancora.

Per arrivare al magico terzetto, Berlusconi CasaGrillo e le tanto desiderate elezioni. Secondo noi, al contrario, e’ sufficiente guardarsi attorno e valutare la fame che comincia ad apparire per realizzare che fare qualcosa da subito è l’unica scelta dovuta e possibile. Soprattutto se possibile. Dicendo questo non vogliamo tentare di assolvere una politica oscenamente succhiasangue, o quella quasi/sinistra che (a differenza di altri esperti) ha saputo trasformare persino i compromessi in una sconfitta culturale e progettuale. Ma almeno quest’ultima ora ci prova.

Ci pare che anche in questo caso il Pensiero Unificato di CasaGrillo e l’Unico Pensiero(!) di Berlusconi siano purtroppo fastidiosamente vicini.

Silvio avrebbe dato una mano per il governo in cambio di metà della torta, CasaGrillo invece avrebbe aiutato solo a condizione di occupare e decidere tutto. Proposte un po’ strambe ma lo stesso obiettivo, un bel casino elettorale. Strano però, Silvio si accontentava del 50% (+ lui ovviamente) mentre CasaGrillo vuole tutto, il 100%. Un dato da cui deriva l’ovvia domanda: Berlusconi contagiato da un misterioso virus costituzionale oppure un caso da manuale di sorpasso dell’insegnante?

Fiabane Max

Barbieri Moreno

Share

12 comments
Leave a comment »

  1. Dopo attenta e personale valutazione propendo per l’ipotesi “caso da manuale”. E poi quella di Berlusconi era congiuntivite…

  2. Le risposte andrebbero date nel merito. Nel caso contrario meglio risparmiare banda.

  3. Ripeto commento numero 3.

  4. Grazie Giovanni per le belle parole, ora sono più sereno.
    Da una parte vedo che ti funziona ancora il copia-incolla, dall’altra hai fatto un po’ di chiarezza. Sai, qualcuno asseriva che ero vicino al vostro pensiero, avevo dei lunghi momenti di scoramento quando mi affiancavano alla vostra considerazione del cittadino e al vostro pensiero unico e perenne: quello del mò-vi-mento!
    Buona Pasqua.

  5. Veramente le critiche al cinque stelle riguarda il presente, poiché si trova attualmente in parlamento, e l’irresponsabilità, come ha scritto finalmente anche Travaglio, riguarda soprattutto non aver fatto dei nomi presentabili anziché chiedere l’impossibile mandato per un governo! Aggiungo che per la fiducia Bersani era pronto praticamente a tutto, bastava provare, anche ponendo tutti i famosi ben 20 punti! Pensare al paese, quando non si e’ semplicemente in piazza ad urlare significa anche saper dialogare e contrattare

  6. Si come no, Bersani era solo pronto a fare gli interessi del partito, dopo una sonora sconfitta. Sapeva benissimo che gli avremmo detto no, e quindi ha fatto finta di fare la vittima, mentre però insultava a tutto spiano. E’ la prima volta che vedo alleanze a suon di insulti preventivi. Ma alla fine basta che vinca il partito! Che non vincerà mai, perchè gli italiani sanno che nella pratica il pd è composto da incapaci che non hanno mai lavorato e quindi non in grado di governare un paese.

  7. non esiste un Pensiero Unificato di CasaGrillo.
    Che esista una solida maggioranza di “Grillini ortodossi” è vero. Ma c’è anche molto altro.
    L’elezione di Grasso non vi ha detto niente?
    Non inventatevi realtà che non conoscete solo perchè infastiditi dal fatto che il comportamento del M5S non è stato conforme alle vostre speranze.
    Non ci fate bella figura.

  8. Pensiero standard? Mi sembra abbastanza evidente.
    E infastidito direi di no, non mi aspettavo nulla di diverso.
    Forse un po’ incazzato per quello che si potrebbe fare subito,
    e non dopodomani come la politica ha sempre promesso.
    E un po’ pensieroso riguardo a quelli che parlano del 100%.

  9. Grillo sta riconsegnando il Paese a Silvio Berlusconi.

    “La linea intransigente di Grillo punisce invece i 5 Stelle, che scivolano per la prima volta sotto la soglia raggiunta alle elezioni di febbraio e si collocano al terzo posto”. “Il partito di Silvio Berlusconi sale di due punti in una settimana e diventa il primo nelle intenzioni di voto con il 26,2 percento di consensi”.

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/29/swg-consensi-dei-partiti-centrodestra-in-testa-5-stelle-in-forte-calo/546098/

  10. Uuuuuh, i sondaggi! Quelli che davano il m5s al 15 18%? Non c’è niente di più standard del pensiero dei piddini, uguale a se stesso da un secolo. Infatti usano quasi esclusivamente tre parole: responsabilità, complotto e Berlusconi! Quest’ultima è la loro scusa per tutte le cose che non hanno fatto in 20 anni. Come farete a giustificare le vostre mancanze quando il Berlusca verrà a mancare? Per fortuna che Renzi vi darà una regolata.

  11. Dopo tante discussioni perche’ non organizzare una gita in Costa Rica? Posto bellissimo, soprattutto per chi investe. I locali lavorano per paghe misere e senza garanzie di nessun tipo, il che permette bei guadagni e controlli zero. E poi e’ un paese che, alla pari di altri cessi come cuba thailandia ecc, consente a tanti turisti maschi e solitari di fare un tranquillo turismo sessuale. Coerenza e complicita’ sono idee interessanti.

  12. Mi sto rendendo conto ogni giorno di più che i voti dati a M5S sono proprio voti buttati via. E non sono pochi vti, sono in numero tale che potrebbero contribuire a fare qualcosa di buono ed innovativo per l’Italia.
    Non si va in Parlamento solo per dire NO o per fare proposte IRREALIZZABILI.
    Bosogna pensare al Paese, a tutti li Italiani, non solo pensare alle prossime elezioni ed agli interessi dei propri elettori!
    Meditate gente, meditate!