Saturday, 16 November 2019 - 23:52
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Palaghiaccio Feltre, salvata la stagione 2013/2014 300mila euro per la sostituzione della centrale frigorifera. Bond: “siamo arrivati in tempo”

Mar 29th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Sport, tempo libero

 

Dario Bond

Dario Bond

La stagione 2013-2014 al Palaghiaccio di Feltre è salva. Il Consiglio regionale del Veneto, infatti, ha approvato l’emendamento Bond che destina 300 mila euro alla struttura per la sostituzione della centrale frigorifera, impianto vetusto e prossimo al pensionamento. Dove lavorano 20 tra dipendenti e collaboratori ed ha toccato le 285mila presenze annue con 800 atleti che si allenano.

“Siamo arrivati in tempo: a inizio 2014 scade la terza proroga e una quarta sarebbe impossibile senza contare che presto il gas freon presente nell’impianto non potrà più essere utilizzato perchè se da un lato le nuove tecnologie lo hanno superato, dall’altro le normative più recenti lo stanno mettendo al bando”, spiega Bond.

“Lo spettro che aleggiava era quello della chiusura dell’impianto che in questo modo può essere scongiurata e anzi dà la possibilità di mettere le basi per un intervento di riqualificazione più ampio”.

I 300 mila euro della Regione – a cui il Consiglio regionale ha dato il via libera nel corso dell’approvazione della Legge Finanziaria e del Bilancio 2013 – serviranno per realizzare un primo stralcio utile a “salvare” la stagione e la formazione del ghiaccio con una tecnologia sicura, economica, ma soprattutto ecologica. “Sarà utilizzato un nuovo gas, già presente nei palaghiacci più rinomati dell’arco alpino”, illustra il consigliere regionale.

L’intera operazione costerà 700 mila euro: i restanti 400 dovrebbero arrivare dal Fondo Brancher ma i tempi – viste le note vicissitudini – si sono dilazionati. “L’obiettivo finale è quello di arrivare a un impianto che permetta di aprire il Palaghiaccio in agosto come succedeva in passato. Questo sia come volano per il turismo sia per dare la possibilità ai tanti atleti che gravitano attorno alla struttura di prepararsi alla stagione delle gare senza dover macinare centinaia di chilometri”.

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. W Bond! Senza Bond saremmo senza tutto. Senza Bond il Bellunese sarebbe povero.

    Bond non ci lasciare mai, come possiamo vivere senza i tuoi fondamentali interventi?