Wednesday, 13 November 2019 - 17:07
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Crisi Acc Mel: spunta una luce in fondo al tunnel. Donazzan, Bond, Piccoli: “C’è una cordata di imprenditori italiani pronta all’acquisizione”

Mar 27th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina
ACC (ex Zanussi) Mel Belluno

ACC (ex Zanussi) Mel Belluno

“C’è una cordata di imprenditori italiani seriamente intenzionata all’Acc di Mel. Si tratta di una proposta seria, concreta ma soprattutto credibile sia dal punto di vista finanziario che gestionale”.

A dirlo sono l’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan e il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond dopo aver incontrato una delegazione di imprenditori pronti ad acquisire lo stabilimento dell’Acc di Mel (Belluno), una delle realtà produttive più importanti della Valbelluna con i suoi 620 lavoratori attualmente in pericolo.

L’incontro si è tenuto nella sede di Veneto Lavoro in via Ca’ Marcello a Mestre. Al tavolo – oltre all’assessore regionale e al consigliere Bond – ha preso parte anche il neosenatore del Pdl Giovanni Piccoli.

Una riunione strettamente operativa dove la cordata imprenditoriale ha illustrato agli esponenti politici del Popolo della Libertà la propria proposta di rilancio dello stabilimento zummellese.

“Ovviamente in questa fase occorre essere molto cauti e fare un passo alla volta, anche per questo non possiamo aggiungere dettagli”, rimarcano Donazzan e Bond. “Quello che è certo è che finalmente si vede una luce dopo il buio pesto di questi ultimi mesi. La proposta prevede il consolidamento dei rapporti con i fornitori ma anche con le banche in un’ottica di sinergia con l’intero indotto”.

Proprio sull’indotto si è concentrato Piccoli che allo stesso tempo ha confermato l’intenzione di proporre un’interrogazione urgente al Ministero per lo Sviluppo economico sulla necessità di trovare un coordinamento europeo sulla gestione di questo genere di crisi: “Non è possibile che nel caso di un’impresa con stabilimenti in più nazioni, paghino quelli che si trovano nello Stato con più garanzie per i lavoratori. L’Italia non può soccombere solo perchè garantisce quegli ammortizzatori sociali che altri – come l’Austria – non hanno”, rimarca Piccoli.

Dal canto suo, Donazzan si è detta pronta a difendere la proposta imprenditoriale in tutte le sedi opportune, dal Ministero agli organi austriaci: “Questa proposta, volta all’innovazione del prodotto, va nell’interesse di tutti, anche dei nostri vicini con i quali abbiamo instaurato un confronto serio e costruttivo. La collaborazione tra Italia e Austria in questa delicatissima fase è fondamentale”.

“Quello che serve a Mel”, prosegue Bond, “è un piano industriale serio e che tenga in considerazione il rapporto della fabbrica con il territorio. Un legame indissolubile che è anche un innegabile valore aggiunto”.

 

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Sempre il partito prima del territorio. E’ ora di farla finita. Basta PDL e PDmenoelle.

  2. Per capire se un prodotto è valido o meno bisogna chiederlo alla base, in particolare ai riparatori o ai rivenditori di elettrodomestici. Orbene, tutti risponderanno che se devi acquistare un’elettrodomestico verifica prima se è munito di compressore Acc in quanto considerato uno dei migliori e durevoli sul mercato.Salvare la fabbrica di Mel non vuole solo dire salvare dei posti di lavoro ma vuole dire salvare un’eccellenza di prodotto e la fiducia dei clienti che lo acquisteranno. Noi italiani siamo sempre stati i migliori del mondo e non sono solo io a dirlo ma anche i grandi manager .In questi momenti di crisi si vedono i veri italiani. Per favore non prendiamo mai più a esempio la Germania ,loro sono abituati, ogni 30 anni, combinano delle cazzate mondiali (prima e seconda guerra mondiale,ecc.).
    .

  3. L’unico dubbio : ma come mai da 30/40 anni questa eccellenza dell’imprenditorialità è costantemente in crisi più o meno gravi, e sono 30/40 anni che Regione/Provincia e forse anche Stato intervengono non avendo ancora spiegato al resto dei cittadini quanti soldi e favori pubblici sono stati lì indirizzati?

  4. Forse è la presunzione di essere i “migliori al mondo” il vero problema di ACC.
    Se i compressori ACC fossero veramente i migliori non saremmo qui sempre a parlare di ACC in crisi.
    Aimè, purtroppo la realtà è molto diversa !