Saturday, 16 November 2019 - 23:53
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Passa l’emendamento salva-treni per il Bellunese. Bond: “Evitato l’orario cadenzato”

Mar 22nd, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Dario Bond

Dario Bond

Giù le mani dalle ferrovie bellunesi e dell’Alto Veneto. Da poche ore, con l’approvazione della Finanziaria per il 2013, la “blindatura” delle linee non elettrificate Montebelluna-Calalzo e Conegliano-Calalzo è legge regionale. “Questo significa che anche a seguito dell’entrata in vigore del nuovo orario cadenzato previsto per giugno tali tratte non potranno essere depotenziate. I livelli di servizio dovranno rimanere quelli vigenti al 31 dicembre del 2012”, spiega il capogruppo del Pdl Dario Bond, autore dell’emendamento salva-ferrovia.

“Il nuovo orario cadenzato se da un lato garantisce trasporti più efficienti e veloci per la pianura, dall’altro taglia fuori le linee non elettrificate, presenti soprattutto nel Bellunese e nell’Alto Veneto”, spiega Bond, che nelle settimane scorse ha avviato un lungo confronto con le strutture per approfondire la questione.

“La verità è che per il Bellunese l’orario cadenzato è una terribile mattanza: si potrebbe tradurre nella fine di tutte le corse dirette Belluno-Venezia, Calalzo-Venezia e Calalzo-Padova. Il nuovo regime orario infatti mal si concilia con le linee non elettrificate”, spiega Bond. “Per questo, nonostante le rassicurazioni dei tecnici e le pacche sulle spalle ricevute, ho voluto mettere le cose in chiaro e scrivere per legge che il servizio ferroviario da Montebelluna e Conegliano in su non si può toccare anche perchè è già ai minimi sindacali. E’ stato un lungo braccio di ferro ma alla fine è prevalsa la linea della solidarietà tra territori”.

“Mi rendo conto che si tratta di un emendamento potenzialmente esplosivo capace di sconquassare i piani del nuovo orario, ma da rappresentante del territorio non potevo permettere che un’intera area del Veneto rimanesse indietro. L’ho detto in aula e lo ripeto: chi paga il biglietto a Belluno deve avere gli stessi diritti di chi lo paga a Padova e deve poter contare su collegamenti veloci, sicuri e diretti”.

“Sto seguendo la partita ferroviaria da anni, ricevendo quotidianamente segnalazioni e lamentele, e mi sono reso conto della parabola discendente del servizio. L’orario cadenzato applicato alla lettera per il Bellunese sarebbe un colpo mortale e questo emendamento diventato legge impedisce il blitz che si voleva mettere in atto e che di fatto sanciva una disparità di trattamento tra territori. Attenzione però a non abbassare il livello di guardia. Lo dico a pendolari e amministratori del territorio”, sottolinea Bond. “La battaglia continua. Adesso però, grazie a questo articolo di legge, siamo tutti più forti nel pretendere il rispetto del diritto alla mobilità, diritto fondamentale soprattutto nelle aree più marginali e periferiche”.

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Grazie,
    è un valido inizio da cui la Regione può iniziare a riconquistare la fiducia dei suoi cittadini sulla gestione del servizio ferroviario e sul reale coinvolgimento dei cittadini e delle comunità locali su questo servizio pubblico.