Wednesday, 13 November 2019 - 17:07
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Disturbi alimentari e anoressia nel mondo della danza. Sabato al Centro Papa Luciani la testimonianza di Mariafrancesca Garritano ballerina della Scala di Milano

Mar 21st, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Mariafrancesca Garritano è una ballerina de La Scala di Milano che ha scritto il libro “La verità, vi prego, sulla danza”, dove metteva a nudo la condizione delle ballerine, costrette a diete incessanti e destinate a diventare anoressiche, immerse in un mondo fatto di corruzione ed invidia, di lotta intestina tra giovani promesse. Da questa denuncia e da un’intervista all’Observer dove portava avanti le sue convinzioni sui disturbi alimentari delle ballerine de La Scala, è arrivato il licenziamento.

La sua storia sarà raccontata sabato 23 marzo alle 20.30 al Centro Papa Luciani di Santa Giustina Bellunese. Insieme a Mariafrancesca Garritano, ci sarà il prof. Tiziano Izzo, che parlerà del libro “Hai mutato il mio lamento in danza. Per una coreografia della croce”. Mariafrancesca Garritano ha affermato che almeno una ballerina su cinque di quelle che frequentano La Scala sono anoressiche o hanno comunque dei forti disturbi alimentari, situazione questa che comunque non deve essere messa in connessione solo con La Scala ma con il mondo della danza in generale. La danza, e in modo particolare la danza classica, pretende infatti dei fisici non solo asciutti e muscolosi ma anche molto magri, gli unici fisici che sarebbero in grado di realizzare un balletto ad hoc, un balletto perfetto pieno di grazia ed eleganza. Mariafrancesca Garritano ha affermato di amare La Scala, la sua casa da quando aveva solo 16 anni, e di voler denunciare questa situazione proprio a causa di questo amore.

INCONTRI AL CENTRO PAPA LUCIANI

Sabato 23 marzo 2013 – ore 20.30

Incontro con Mariafrancesca Garritano (Corpo di ballo del Teatro alla Scala) e il prof. Tiziano Izzo (insegnante di religione della Diocesi di Milano)

Presentazione dei libri “La verità, vi prego, sulla danza!” e “Hai mutato il mio lamento in danza. Per una coreografia della croce”

Incontro con Mariafrancesca Garritano (Corpo di ballo del Teatro alla Scala) e il prof. Tiziano Izzo (insegnante di religione della Diocesi di Milano)

Presentazione dei libri “La verità, vi prego, sulla danza!” e “Hai mutato il mio lamento in danza. Per una coreografia della croce”

CHI E’

Mary Garret

Mariafrancesca Garritano, Mary Garret nel mondo virtuale, nasce a Cosenza il 7 novembre 1978. Studia danza per gioco sin dall’età di tre anni nella sua città natale. All’età di sedici anni entra nella scuola di ballo del Teatro alla Scala, dove consegue il diploma dopo due anni, ottenendo il punteggio massimo di 29/30mi e ricevendo il premio Rotary come “Miglior allievo dell’anno”. Dal 1998 fa parte del Corpo di ballo del Teatro alla Scala, con cui partecipa a tutte le produzioni ricoprendo spesso ruoli principali e solistici. Interviene in numerosi Galà e Festival di danza tra cui Omaggio a Rudolf Nureyev e il Miami International Ballet Festival. Sin da piccola si dedica alla scrittura di diari e racconti, questo è il primo che abbia deciso di rendere pubblico.

IL LIBRO “La verità, vi prego, sulla danza!”

Questo libro è rivolto a tutti coloro che, non essendo addetti ai lavori, percepiscono il mondo dell’arte attraverso il proprio intimo sentire e che si stupiscono quando scoprono che non sempre le cose sono come sembrano. È rivolto a coloro che avranno voglia di partecipare alla mia riflessione e che, senza attendersi grandi rivelazioni o insegnamenti, scopriranno che un libro sulla

danza può essere diverso da ciò che ci si aspetta. È un’esperienza che, nascendo dai miei ricordi, risente del mio punto di vista. Mentre scrivevo sapevo di non essere sola, sapevo che tutti gli artisti, i danzatori, i musicisti, gli attori, i cantanti e i pittori, almeno una volta nella vita, hanno avuto pensieri simili ai miei. L’idea di associare delle immagini alle parole sorge dall’esigenza di comunicare quanto più possibile e in più modi possibili. Mai avrei potuto sperare in un risultato migliore di quello ottenuto dalla fotografa Daniela Rende che, in sole quarantotto ore trascorse a contatto con i ballerini, ha colto ciò che il tempo aveva offuscato “restituendomi”, con i suoi scatti, quella gioia della danza che avevo perduto. Spero che tutto questo riesca ad arrivare al lettore con l’intensità con cui l’ho vissuto io.

CHI E’

Tiziano Izzo

Dopo gli studi teologici compiuti a Napoli, sotto la guida dei padri Gesuiti, si è trasferito a Milano dove insegna religione. In questo libro raccoglie parte dell’attività didattica che ha svolto lo scorso anno presso il liceo coreutico “Paolo Candiani” di Busto Arsizio dove, in collaborazione con alcuni insegnanti e con alcuni alunni dei corsi di danza, ha cercato di approfondire il valore che questa forma d’arte può avere per esprimere il Mistero pasquale.

IL LIBRO “Hai mutato il mio lamento in danza. Per una coreografia della croce”

Costruire una Via Crucis partendo dall’esperienza quotidiana di chi, danzando, accetta di trasformare il proprio corpo in uno strumento capace di comunicare emozioni profonde. Questa la sfida accettata dall’autore. Una sfida vinta, alla luce di quanto scrive Mariafrancesca Garritano nella sua prefazione: «Non credo proprio che Gesù si sarebbe offeso nel sentirsi paragonato, nel suo percorso verso la Croce, a un ballerino che usa tutto il suo corpo per comunicare ciò che di più profondo si porta dentro». D’altra parte è lo stesso rito della Via Crucis che, con quel suo spostarsi da una stazione all’altra, si struttura come una danza costruita per rievocare la passione di Gesù e per dar voce al suo immenso dolore.

Share

Comments are closed.