Friday, 15 November 2019 - 22:43
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Annessione di Lamon al Trentino Alto Adige. La lega Nord presenta il progetto di legge

Mar 16th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

lega-nord-130x130Ieri, tramite l’Onorevole della Lega Nord Matteo Bragantini, membro nella passata legislatura della prima Commissione Affari Costituzionali, ha presentano il Progetto di Legge inerente il distacco di Lamon dal Veneto e l’annessione alla Regione Trentino Alto Adige.

“Nella speranza che venga al più presto portato in aula e sia data una volta per tutte una risposta al comune di Lamon e ai suoi cittadini che da anni attendono una pronuncia definitiva, esprimo la mia soddisfazione e ringrazio l’On. Matteo Bragantini del suo costante interessamento sulle questioni inerenti i referendum.” Così il segretario della Lega Nord della Provincia di Belluno Diego Vello nell’apprendere la notizia. “Mi auguro che nessuno questa volta trovi scuse inutili per bloccare ancora questo voto.”

Soddisfazione anche da parte della neo Senatrice Raffaela Bellot che ha promesso, anche da parte sua, di lavorare affinché Lamon abbia al più presto una dovuta risposta.

Share

11 comments
Leave a comment »

  1. Da Autonomista referendario sono contento che si porti in parlamento la questione Lamon con la speranza che gli strumenti offerti dalla costituzione , come il referendum, una volta utilizzati dai cittadini , comportino poi scelte conseguenti alla volontà dei cittadini.
    Aspettiamo (fiduciosi ?) gli eventi …

  2. Ottimo. e dopo la secessione di Lamon da Belluno, speriamo che la Lega presenti un progetto di legge per la secessione del Veneto dall’Italia.

  3. Chissà perchè non lo hanno fatto quando era Maroni Ministro dell’Interno, eh?
    Troppo tardi, amici padani, troppo tardi.

  4. Stando alle parole di Vello sembra che sia soltanto il comune di Lamon che attende “una pronuncia definitiva”. Al di là dei referendum di Lamon, Sovramonte, Cortina d’Ampezzo, Livinallongo del Col di Lana, Colle Santa Lucia e Sappada, è l’intera provincia di Belluno che attende risposte, in primis dalla regione che, guarda caso, è a guida LEGA NORD-PDL!

  5. lo sapete ke se il trentino aggiunge territorio perde lo statuto speciale vero?

  6. Silvano Martini, autonomista referendario, insiste con la sola dei referendum. Ma c’è ancora qualcuno che crede a queste stupidaggini? Non che il referendum sia una stupidaggine, sia chiaro! Stupida e’ l’idea che il Parlamento – questo, poi !!!! – possa pronunciarsi sui referendum dei bellunesi. Ma i bellunesi – complice un pensiero debole travestito da pensiero politico – dormono oramai un sonno molto profondo. L’unico politico serio sara’ colui che avrà il coraggio di dire loro la verità.

  7. @esmerado il codardo che non si firma torna a sparare le sue sentenze senza dire nulla riguardo alle alternative che immagino abbia in mente ….
    Visto che preferisce l’anonimato che é la condizione tipica preferita dai vili e dagli ignavi non sono perseguibile se gli do pubblicamante del coglione !
    Con viva cordialità !
    Orgogliosamente autonomista Silvano Martini

  8. Grazie, Silvano Martini.
    E’ proprio così che si difendono le proprie idee.
    Nel merito, l’irrilevanza politica che aspetta voi e le vostre idee è la risposta migliore che non io – che di certo non mi offendo per così poco – ma che la storia vi riserverà.
    E’ solo una questione di tempo.
    Ad maiora.

  9. come già successo, rimarrà nei cassetti della camera o del senato per qualche anno per poi finire nel nulla con la fine della legislatura.
    Non ci sono le condizioni perchè la cosa venga presa seriamente a livello centrale.

  10. No…. pare ci siano novita’! 😉 https://www.facebook.com/home.php#!/photo.php?fbid=321639927959084&set=a.214924698630608.44135.109513869171692&type=1&theater&notif_t=photo_comment

  11. Non vedo nessuna novità e non credo sia questa la via migliore per rispondere alle giuste istanze che vengono dal territorio della provincia.
    Probabilmente quella migliore era il federalismo fiscale ma per questioni di bilancio ne hanno fatto un mostro con finalità diverse da quelle originarie.
    Nulla cambierà. Inutile illudersi.