Thursday, 14 November 2019 - 16:19
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

L’onorevole Roger De Menech ringrazia i bellunesi: ” Sono stato eletto e vi rappresenterò alla Camera dei Deputati”.

Mar 14th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

“Avverto il dovere di ringraziare tutti i Cittadini della provincia di Belluno, che hanno deciso di sostenere il progetto del partito democratico, per il risultato che ho ottenuto alle elezioni del 24-25 Febbraio. Sono stato eletto e vi rappresenterò alla Camera dei Deputati”.

Lo dichiara in una nota l’onorevole Roger De Menech, neo deputato del Pd eletto nella Circoscrizione Veneto 2 e sindaco di Ponte nelle Alpi.

“Vorrei ringraziare anche le tantissime persone che mi hanno aiutato e che hanno condiviso con me questa splendida campagna elettorale. Il risultato della provincia di Belluno, e in particolare del mio Comune, è migliore rispetto al panorama del Centro Sinistra in Veneto e in Italia, e questo mi rende orgoglioso.

La situazione politica nazionale non è delle più facili, ma vivo la mia elezione con grinta e fiducia. Se dimostriamo con i fatti che la Buona Politica esiste, i cittadini potranno avere fiducia anche domani. Abbiamo l’occasione, anche grazie alla scelta del Partito Democratico di fare le primarie, di avere un Parlamento in gran parte rinnovato: possiamo cambiare veramente l’Italia e ridere ai cittadini quella fiducia nella politica che sta via via scemando sempre più.

Non sappiamo, al momento, se ci sarà una maggioranza e che tipo di maggioranza. Mi auguro che una soluzione venga trovata nell’interesse del Paese. In ogni caso garantisco, per quanto possibile, il mio impegno nelle riforme. Riforme che devono essere portate avanti con coraggio e determinazione.

È iniziata Lunedì 11, la mia avventura romana, con un incontro tra tutti i neo parlamentari eletti del Partito Democratico.

Domani, Venerdì 15 marzo, il Presidente Napolitano ha fissato l’insediamento delle Camere. Primo compito sarà quello di eleggere i presidenti di Montecitorio e Palazzo Madama; con la costituzione dei gruppi parlamentari si avvieranno poi le consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo.

Toccherà al Presidente della Repubblica nominare il nuovo presidente del Consiglio dei Ministri – conclude De Menech –  che si sottoporrà al voto di fiducia del Parlamento”.

Share

6 comments
Leave a comment »

  1. Però una parola, una, riguardo la nostra disastrata Provincia poteva spenderla in questa nota.

  2. E riguardo al finanziamento pubblico ai partiti per il quale i cittadini Italiani hanno già espresso per mezzo di un regolare referendum la loro totale contrarietà mi chiedo e ti chiedo Roger… Hai nulla da dire?
    Perché a parlare di riforme a venire senza nemmeno attuare quelle minime già possibili con un semplice gesto si fa presto ma poi finisce che “passata la festa gabbato lo santo” e credo francamente che gli Italiani ne abbiano avuto abbastanza riguardo al fatto di mantenere il baraccone pletorico e dispendioso dei partiti.
    Poi magari direte che é demagogia mentre ormai é il minimo che potete fare per rimettere la politica in fase col paese altrimenti invece che scemare la fiducia se ne andrà per sempre…ammesso e non concesso che di fiducia ora ne sia rimasta traccia.
    Con viva cordialità !
    Silvano Martini

  3. Impariamo a non Chiamarli piu’ “Onorevoli”, affiche’ qualcuno di questi non faccia qualcosa di Onorevole.
    Cittadini Rappresentanti del popolo, forse sarebbe meglio.

  4. Sono daccordo con il sign.Vittorino!

  5. Basterebbe semplicemente deputati…

  6. De Menech bifronte: parlamento e sindaco. Una delle due cose sarà trascurata. Quale?