Tuesday, 19 November 2019 - 04:59
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Agrimont 2013. Sabato a Longarone fiere un importante convegno sul sistema fondiario montano

Mar 13th, 2013 | By | Category: Appuntamenti, Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

agrimontLa gestione del territorio e dei fondi agricoli sta diventando sempre più difficile e problematica perchè accentuata da una programmazione urbanistica spesso non coerente e non coordinata a livello di vallata o di aree contigue. Spesso infatti i migliori terreni agricoli, per giacitura e fertilità, sono stati oggetto di insediamenti di vario genere, la viabilità ha tagliato i fondi rendendoli difficilmente raggiungibili o coltivabili, etc.

A ciò si devono aggiungere le problematiche dovute alle successioni che comportano un vero e proprio smembramento delle proprietà in piccoli appezzamenti che non hanno più valore agronomico e fondiario.

Questa questione, se ovviamente tocca direttamente le aziende agricole, porta con sè anche un problema d’ordine urbanistico, paesaggistico e sociale.

Per dare una risposta adeguata a queste argomentazioni la Confagricoltura Belluno, la Confederazione Agricoltori di Belluno e la Fondazione “Montagna Europa” Arnaldo Colleselli, hanno organizzato un importante Convegno nell’ambito di AGRIMONT 2013 che si terrà Sabato con inizio alle ore 10 presso la Sala Convegni di Longarone Fiere.

Il Seminario, di alto profilo tecnico, che ha per titolo “Riordino del Sistema Fondiario Montano”, vedrà come moderatore il giornalista Maurizio Busatta. Dopo il saluto delle autorità, è previsto fra gli altri l’intervento del Presidente di Longarone Fiere Oscar De Bona, del Presidente della Camera di Commercio di Belluno Luigi Curto; i Presidenti di Confagricoltura Diego Donazzolo e della CIA Marta Zampieri introdurranno il tema dell’incontro. L’avv. Enrico Gaz tratterà gli aspetti giuridici e normativi relativi alla proprietà fondiaria e il tema del diritto successorio, mentre il dottore forestale Orazio Andrich, profondo conoscitore delle “Terre Alte”, si soffermerà sulle problematiche relative alla gestione del riordino fondiario in montagna.

Importante sarà anche l’intervento del prof. Geremia Gios dell’Università di Trento che fornirà indicazioni dei costi che la frammentazione fondiaria comporta, mentre il Segretario della Convenzione delle Alpi Marcella Morandini darà una visione più ampia su quanto è stato fatto in Europa e sulle esperienze maturate nel merito in altri Paesi europei.

Un Convegno, quindi, che abbraccia l’insieme delle problematiche legate alla frammentazione e alla polverizzazione fondiaria che creano notevoli vincoli e costi per le imprese agricole. Nella nostra provincia ci sono aziende agricole che per gestire 85 ettari di superficie abbisognano di 1220 particelle, mentre nelle zone di pianura le stesse superfici sono identificate con una sola decina di particelle.

 

Share

Comments are closed.