13.9 C
Belluno
martedì, Giugno 2, 2020
Home Riflettore Il sindaco Jacopo Massaro e il presidente dell'Anpi di Trento Sandro Schmidt...

Il sindaco Jacopo Massaro e il presidente dell’Anpi di Trento Sandro Schmidt alla commemorazione dei 10 partigiani impiccati al Bosco delle castagne

massaro bosco delle castagneUna mattinata grigia di fine inverno ha fatto da cornice questa mattina alla cerimonia del Bosco delle castagne a Tisoi. Dove , dove 68 anni fa vennero impiccati 10 partigiani. Era l’8 marzo del 1945 quando dalla caserma D’Angelo a Mussoi, dieci partigiani scortati dalla 7ª compagnia del battaglione Schröder, composto da SS altoatesini si avviarono verso il Bosco delle castagne. Li avevano presi dalla caserma Tasso, allora sede della Gendarmeria tedesca comandata dal tenente Karl. Le SS ne avevano chiesti 50, ma Karl ne aveva solo 10. Era la risposta a un attentato che pochi giorni prima i partigiani della brigata Leo De Biasi avevano compiuto al Poligono. Un bersaglio costruito con un ritratto di Hitler e la scritta in rosso «Zigklt gut» (mirate bene). I tedeschi si erano precipitati a toglierla, ma era una trappola, e morirono in 8 con una decina di feriti.

L’orazione ufficiale è stata tenuta dal Presidente dell’ANPI di Trento, on. Sandro Schmid, con l’intervento del sindaco di Belluno Jacopo Massaro.

Erano presenti le rappresentative delle associazioni di partigiani, reduci di guerra, combattentistiche e d’Arma, e un reparto del 7mo Alpini per gli onori al gonfalone della Città di Belluno medaglia d’oro al Valor militare e gli onori ai Caduti.

Nel corso della cerimonia sono stati ricordati i nomi dei partigiani impiccati: Giuseppe Santomaso “Franco” di Puos d’Alpago, Marcello Boni “Nino” di Caralte, Perarolo di Cadore, Giuseppe Como “Penna” di Trichiana, Francesco Bortot “Carnera” di Bolzano Bellunese, Giovanni Candeago “Fiore” di Sedico, Giovanni Cibien “Nino” di Trichiana, Pietro Bertanza “Portos” di Brescia, Ruggero Fiabane “Rampa” di Limana, un certo Ioseph (o Bruno Feltkirker) detto il francese e Mario Pasi “Montagna” medico comunista originario di Ravenna che da Trento dove lavorava, si era unito alla Resistenza bellunese.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

990mila euro per la messa in sicurezza a Villaga. Bortoluzzi (Provincia) e Zatta (Comune di Feltre): «Si pone fine a un problema annoso»

Partirà nei prossimi giorni la messa in sicurezza dell'abitato di Villaga, in Comune di Feltre. Una vasta operazione gestita dalla Provincia di Belluno che...

Borgo Valbelluna. Le biblioteche, “Piazze del sapere” anche per i più giovani

In questi giorni il Comune di Borgo Valbelluna si sta attivando per formalizzare l’affidamento a terzi di alcune attività del servizio bibliotecario comunale per...

2 giugno Festa della Repubblica. Cerimonia in piazza dei Martiri per il 74mo anniversario

La drammatica situazione di emergenza sanitaria causata dall’epidemia del coronavirus impone che per quest’anno la cerimonia si svolga rispettando le misure di prevenzione per...

Nevegal, basta rimpalli! De Moliner: “Non vorremmo che la proposta Gidoni in Regione finisse come la Legge 25/14 sulla autonomia della Provincia di...

"Crediamo che sulla vicenda Nevegàl debba essere fatta chiarezza sulle intenzioni che hanno la Regione e il Comune di Belluno. Non è possibile, ed...
Share