Friday, 15 November 2019 - 20:17
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sindrome Nimby.Il consiglio comunale di Belluno è favorevole ad una Uls unica. Ma Bond non ci sta e difende l’Uls n.2 di Feltre

Mar 5th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina, Sanità
Dario Bond

Dario Bond

Il Consiglio comunale di Belluno ha approvato un ordine del giorno che dà mandato al sindaco Massaro  di trattare con la Regione per costruire un percorso che porti all’Uls unica. Ma il consigliere regionale del Pdl Dario Bond non ci sta.

“Non si salva la sanità bellunese unificando le due Uls. – afferma Bond –  Per questo trovo sorprendente l’ordine del giorno approvato dal Consiglio comunale di Belluno e le parole della consigliera Maria Cristina Zoleo che mi critica perché troppo fermo nel difendere l’Uls 2. ”

“Il bellunocentrismo non fa bene a nessuno, a cominciare dalle strutture più periferiche, come Pieve e Agordo – continua Bond -. Penso poi sia sbagliato anche tatticamente fare questa mossa prima che la Regione approvi le schede ospedaliere e territoriali. E’ un segnale di debolezza, una guerra di campanili che non ha senso”.

“I consiglieri comunali di Belluno devono argomentare meglio: ho quasi l’impressione che si ragioni in termini più teorici che pratici, secondo il principio “vita mea, mors tua”, principio che valeva nella giungla ma non in un territorio che ha una sua specifica rete ospedaliera rispettosa delle realtà di valle, struttura che peraltro è stato riconosciuta con apposito emendamento anche nel nuovo piano socio-sanitario”, prosegue il capogruppo del Pdl.

“Voglio tranquillizzare i signori consiglieri, autori di questa fuga in avanti, dicendo loro che l’Uls di Feltre ha delle caratteristiche che ne fanno un unicum a livello regionale: il Santa Maria del Prato è stato riconosciuto come struttura di rango interregionale perchè assiste un’intera valle trentina – il Primiero – diverse realtà della Valsugana e dell’Alto Trevigano. Questo significa che Belluno non ha nulla da temere: entrambe le Uls hanno una loro specificità. Non capisco perchè si vogliono mettere in discussione degli assetti che hanno dimostrato di funzionare e che hanno una vita separata”.

Insomma, siamo alle solite, tutti d’accordo sulle semplificazioni ed i risparmi di gestione, ma quando vanno a toccare il proprio cortile scatta la sindrome Nimby, acronimo anglosassone Not in my back yard, ossia fate pure ma “Non nel mio cortile”.

Share

24 comments
Leave a comment »

  1. Ovvio il pdl gestisce le nomine dei direttori generali e varie poltrone collegate unuficando le 2 usl saltano le poltrone ma si preservano i servizi dario bond ha a cuore lle poltrone non i servizi ospedalieri altro che campanilismo bond privilegia il poltronismo come nel dna del PDL

  2. Dal punto di vista etimologico il termine “campanilismo” si riferisce al campanile, indicando così un “esagerato attaccamento al proprio paese ed alle proprie tradizioni”.
    Indipendentemente dalla discussione sul reale effetto in termini di efficienza e risparmio di un unione tra le ulss, credo sarebbe opportuno scegliere le parole conoscendone il significato reale. Non si può definire campanilismo il desiderio di unire, è invece adatto alla paura che fa difendere

  3. A me sta bene, ma eliminiamo l’ULS n.1 ed accorpiamo tutto a Feltre.

    Siete d’accordo, voi di Belluno, no?

  4. Unificando le 2 Ulss salterebbero medici, infermieri e reparti. A proposito… Massaro è un dipendente dell’Ulss 1?

  5. Lino assolutamente no resterebbe tutto come prima saltano solo 1po di poltrone dirigenziali e politiche non unificandole salteranno i reparti e resteranno le poltrone ogni volta che si tratta di accorpare saltano fuori i difensori del orticello in questa maniera ci penserà venezia….. e ve ne accorgerete quando ci pensano loro a buon rendere

  6. Giovanni, ti ricordi che fino ad una ventina d’anni fa c’erano anche le Ulss di Pieve di Cadore ed Agordo?

  7. Ti pare che a Pieve di Cadore e ad Agordo sia rimasto “tutto come prima”?

  8. Nel frattempo la regione aumenta l irpef dallo 0,9 al 1,23 per finanziare la sanita, ma fanno bene fino a che trovano i creduloni che per spirito campanilistico credono alle sue balle

  9. tessarollo, ma sei di belluno tu?

  10. Giovanni, vallo a dire ai cadorini e agli agordini che è rimasto tutto come prima! Presentati come attivista del Movimento 5 Stelle: secondo me prenderanno i forconi!

  11. Questi parlano senza sapere di cosa stiano parlando.

    I servizi sanitari e di trasporto sono stati distrutti negli ultimi anni dalla regione veneto.

  12. Certo, ma se siamo noi i primi a chiedere l’unificazione delle due Ulss, cosa c’è da aspettarsi? L’ospedale di Feltre farà la fine di quelli di Pieve di Cadore e di Agordo!

  13. Lino eravamo su ieri sera in cadore come movimento 5 stelle e i cadorini sanno benissimo che i servizi sono stati tagliati e ridotti per mantenere careghe e prebende nelle usl tanto è che ci hanno chiesto di proseguire questa battaglia e ci hanno pure votato in massa…… guarda 1po…… detto questo i forzaitalioti nel 2007 erano favorevoli al accorpamento delle 2 usl……………. ”era il 2007 Nella maggioranza chi non ha dubbi sulla riduzione delle Usl è Remo Sernagiotto, capogruppo consiliare forzista: «Serve una cura dimagrante per risparmiare e ridurre le tasse»….. nel 2013 hanno cambiato idea…. le tasse sono andate aumentando i servizi in montagna diminuendo ma quando si chiedono risparmi di spesa tagliano poltrone dirigenziali si dimenticano di quanto sostenevano in passato e fanno le barricate nel frattempo le famiglie non arrivano alla fine del mese i la sanità è in ginocchio.

    ecco cosa dicevano nel 2007 i forzaitalioti http://www.anaaoveneto.it/rassegna/corriere4-9-07.htm ora fanno i difensori della sanità in montagna sapendo benissimo di mentire d’altronde fino a che certi beoti credono alle loro promesse e balle lo continueranno a fare

  14. ANcora non si sa di dove sia originario questo Tessarollo che vuole salvare i Bellunesi.

  15. Giovanni, non direi che i cadorini vi abbiano votato in massa…

  16. Francesco onestamente le mie origini non hanno importanza pago le tasse in italia…. e dico quello che penso……. o per tè ci deve essere libertà di espressione solo agli autoctoni…. renditi conto che sei ridicolo ma parecchio pure

  17. Già me lo vedo Riccardo Sartor, consigliere comunale feltrino del Movimento 5 Stelle, che spiega ai feltrini che la loro Ulss deve essere soppressa per il loro bene!

  18. Giovanni, in Cadore ha vinto la coalizione di centrodestra! Sai cos’è una coalizione?!

  19. Pieve di Cadore

    CAMERA
    CENTRODESTRA: 29,7%
    CENTROSINISTRA: 26,3%
    M5S: 25,2%

    SENATO
    CENTRODESTRA: 30,2%
    CENTROSINISTRA: 27,8%
    M5S: 23,9%

  20. A Pieve di Cadore, ad esempio, il M5S è arrivato terzo sia alla Camera che al Senato!

    http://speciali.gelocal.it/elezioni/2013/corrierealpi/camera/comuni/pieve_di_cadore.html
    http://speciali.gelocal.it/elezioni/2013/corrierealpi/senato/comuni/pieve_di_cadore.html

  21. A Calalzo di Cadore il centrodestra ha superato il M5S di oltre 11 punti percentuali alla Camera e di oltre 13 punti percentuali al Senato. Come ben sai non sono un simpatizzante del centrodestra ma ritengo sia giusto dare a Cesare quello che è di Cesare.

  22. Tessarollo: se per colpa del M5S fanno saltare l’ULS 2 vedrai quanti voti prenderà…

    Ho capito che non sei bellunese perchè non hai nessun amore per la nostra terra, ma solo rabbia.

  23. Giovanni, ti ringrazio ma non ho bisogno di una camimilla! Ti ricordo soltanto che sia al Senato che alla Camera non vince il partito che ha ottenuto più voti ma la coalizione! Per quanto riguarda il Cadore, penso che ci siano comuni in cui il centrodestra ha preso addirittura più voti rispetto a Calalzo…

  24. Giovanni, sai che differenza c’è tra maggioranza relativa e maggioranza assoluta?!