13.9 C
Belluno
lunedì, Maggio 25, 2020
Home Lettere Opinioni Toh, chi si rivede, la metropolitana di superficie

Toh, chi si rivede, la metropolitana di superficie

Leggiamo che a Palazzo Rosso si discute di Metropolitana di Superficie, idea antica, della fine del secolo scorso se non ricordiamo male, e di provenienza non/politica, ma ambientalista.

Poco ci interessa sottolineare qualche (ovvio) diritto d’autore, perché in effetti ciò che conta è la realizzazione pratica. D’altro canto comunque o un progetto è se stesso oppure è qualcosa d’altro. Un primo pensiero quindi lo rivolgiamo al periodo di tempo trascorso, riappare un’idea dimenticata nei cassetti per circa 15 anni e volutamente ignorata da qualsiasi entità politica. Ma fin qui, forse, è solo “innovazione” un po’ datata e “ricerca” ad andamento lento/lento, cose che capitano.

Più importante, invece, ci pare discutere di un progetto che privato di tutte le analisi che lo sostanziavano diventa il solito misero spot da CEP (comitato elettorale permanente). C’era una volta un progetto di metrò di superficie che parlava di flussi di traffico e pendolarismo, di ragazzi a scuola con il treno, di interazione con la bicicletta ed intermodalità, di un’idea diversa di turismo, di piccole stazioni intermedie nelle zone commerciali o produttive, di inquinamento e di valenze ambientali. Il tutto a costi estremamente ridotti. Ora invece, nuova versione di inizio millennio, la storia è cambiata.

Dell’idea iniziale è rimasto solo il nome, qualsiasi analisi reale è stata messa da parte per costruire un’idea di “emergenza trasporti” che non riguarda più persone e territorio, ma quell’area di mercato politico ed elettorale che utilizza il trasporto pubblico locale e le sue discutibili dinamiche nell’ambito delle solite “politiche dello scambio”. Eppure una seria discussione potrebbe sempre essere riaperta. Potrebbe partire parlando di emergenze reali e non azionarie, in cui società, economia e soggetti politici aprissero un vero tavolo di discussione su quel sistema ferroviario locale che è una delle grandi e quotidiane esigenze di questo territorio.

Barbieri Moreno, Fiabane Max, Sommavilla Luca

 

 

 

 

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Appena uscito dal carcere ruba un’auto e due bici. Arrestato dalla Volante e incarcerato in un’ora

E' durata poco la libertà a B.A.S. tunisino 50enne con precedenti penali, che appena scarcerato dalla Casa circondariale di Baldenich ha ripreso immediatamente il...

Perarolo di Cadore. Conclusa l’istruttoria del Pat, domani l’approvazione in Provincia

Sarà portato in consiglio provinciale domani (martedì 26 maggio) il Pat del Comune di Perarolo. Un Piano di Assetto del Territorio che punta soprattutto...

Assistenti civici. De Carlo: “Ai comuni serve gente che lavori. Perché non obbligare i percettori del reddito di cittadinanza?”

"Ai comuni serve gente che prenda una scopa per pulire le strade, o accenda un decespugliatore per sfalciare i prati, non che stia in...

Frontale auto moto nella galleria del Vajont

E' successo nel pomeriggio di oggi, domenica 24 maggio, nella galleria che costeggia la diga del Vajont, nel Comune di Erto e Casso. Un motociclista...
Share