Wednesday, 13 November 2019 - 04:24
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Nuovo importante riconoscimento a Tib teatro, che supera le selezioni finali e va al debutto nazionale del Festival dei teatri del sacro

Feb 11th, 2013 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

200 compagnie nazionali, 95 ammesse alla finale, 22 selezionate per il festival di Lucca a Giugno, unica compagnia professionale veneta vincitrice: Tib Teatro! Lo spettacolo Passione – omaggio a Giovanni Testori nel ventennale della morte – un progetto di Daniela Nicosia, premiato e segnalato dalla giuria, debutterà in anteprima a giugno nella prestigiosa kermesse nazionale di Lucca, promossa dalla Cei-Fondazione Comunicazione e Cultura e da Federgat, un festival biennale che prevede il debutto in anteprima nazionale di spettacoli incentrati sui temi del sacro e dell’inquietudine contemporanea.

Daniela Nicosia direttore artistico Tib Teatro

Daniela Nicosia direttore artistico Tib Teatro

Daniela Nicosia e Maddalena Crippa, interprete dello spettacolo insieme al fratello, l’attore Giovanni Crippa, rinomato interprete di Testori, sono già al lavoro, che muove dal romanzo Passio Laetitiae et Felicitatis, scritto dall’’autore nel 1975. A Milano per le selezioni finali in gennaio, hanno presentato una sequenza dello spettacolo che unisce la parola testoriana a musiche di Iannacci e Schoenberg, un frammento che ha profondamente emozionato i presenti e raccolto il plauso della giuria di esperti in buona parte appartenenti al mondo accademico delle Università di Milano, Brescia, Pavia.

Un riconoscimento nazionale prestigioso che premia l’impegno produttivo e il lavoro artistico del Tib, struttura che malgrado le ben note difficoltà trascorse, ha inoltre garantito alla città da due anni a proprie spese, senza percepire ad oggi alcun contributo pubblico locale, la Stagione di Prosa e quella di Teatro per le scuole e le famiglie Comincio dai 3 a Belluno e provincia. Un impegno per la diffusione della cultura teatrale a tutto tondo, quello del Tib che unisce formazione, programmazione e produzione, un lavoro che dà lavoro – nella produzione dello spettacolo sono infatti coinvolti artigiani, tecnici e manodopera locale, un lavoro necessario allo sviluppo della nostra comunità, che dona visibilità alla nostra città e la pone in condizione di pari dignità anche nel settore produttivo dello spettacolo dal vivo.

 

_______________________________

Share

Comments are closed.