12.8 C
Belluno
venerdì, 28 Febbraio, 2020
Home Cronaca/Politica Via libera della I^ Commissione alla fusione tra Quero e Vas. Ora...

Via libera della I^ Commissione alla fusione tra Quero e Vas. Ora manca solo l’ok finale del consiglio regionale

“Adesso manca soltanto l’ok del Consiglio e presto Quero e Vas potranno diventare un esempio da seguire per molti comuni del Veneto. E’ un passo deciso verso l’ottimizzazione delle risorse e servizi più efficienti per i cittadini, dalla raccolta delle immondizie al trasporto scolastico”.

Così il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond e il presidente della I Commissione Affari Istituzionali e Bilancio Costantino Toniolo commentano il via libera da parte dell’organismo alla fusione dei due comuni del Basso Feltrino.

“Il provvedimento di giunta è del novembre scorso e con l’ok di oggi abbiamo voluto accelerare i tempi anche per lanciare un messaggio di semplificazione e di buon governo del territorio”, proseguono i due esponenti del Popolo della Libertà.

Migliori servizi per i cittadini ma anche più risorse, come sottolineano sia Bond che Toniolo: “Stando al decreto sulla “spending review”, il contributo straordinario ai municipi che si fondono è commisurato al 20 per cento dei trasferimenti erariali attribuiti per l’anno 2010. C’è inoltre una legge regionale, la 18, che per il 2012 ha stanziato 3 milioni e 150 mila euro per l’incentivazione dell’esercizio associato di funzioni e servizi, a maggior ragione per le fusioni”.

Da circa dieci anni Quero e Vas fanno parte dell’Unione Setteville anche se il passo decisivo risale al 26 marzo 2012 con una riunione congiunta dei due consigli comunali a cui la cittadinanza è potuta intervenire.

“Quello che va sottolineato è che questa fusione va a migliorare i servizi per i cittadini e ad abbassare le tariffe”, afferma il vicesindaco di Quero Bruno Zanolla. “Adesso non ci resta che attendere l’ok del Consiglio regionale quando il nostro “matrimonio” a tutela dei cittadini diventerà legge”.

“Quero e Vas sono l’esempio di come si opera a favore del territorio al di là dei campanilismi e sono lo sbocco naturale di un’efficiente unificazione di servizi che è stata graduale e condivisa con il territorio fin dal suo inizio”, concludono Bond e Toniolo.

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio a Feltre. Anomalia dell’impianto fotovoltaico la probabile causa

Feltre, 28 febbraio 2020 - Dalle 12:20 di oggi i vigili del fuoco stanno operando per lo spegnimento di un incendio tetto in via...

Cala in Veneto l’influenza stagionale: incidenza scesa a 8,24 casi per mille abitanti

Venezia, 28 febbraio 2020 - Nonostante l’attenzione sia in massima parte dedicata a seguire gli sviluppi del coronavirus, la Direzione Prevenzione della Regione Veneto sta...

Cortina ha un nuovo commissariato

Belluno, 28 febbraio 2020 – Il 24 giugno scorso, accogliendo con immensa gioia l’annuncio che sarebbe stata "Milano Cortina" la sede delle olimpiadi invernali...

Due cadute dalla seggiovia nel comprensorio del Civetta

Val di Zoldo, 27 febbraio 2020  -  Due cadute a un'ora di distanza una dall'altra dalla seggiovia in Val di Zoldo, comprensorio del Civetta. La...
Share