Wednesday, 13 November 2019 - 04:23
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Tour di Monti nel Veneto. Vello: “Togliere risorse e tassare la gente è stata l’unica ricetta chiara del Governo Monti”

Feb 6th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina
Diego Vello

Diego Vello

“Le parole del candidato premier Mario Monti pronunciate ieri nel suo tour Veneto sono una chiara prova della linea politica centrista dello stesso leader della lista Scelta Civica”.

Lo afferma il segretario provinciale della Lega Nord Diego Vello.

“La volontà di Monti di dare più poteri allo Stato e toglierlo alle periferie è la riprova di quanto già applicato in questi mesi di passione per imprese ed enti locali, togliere risorse e tassare la gente è stata l’unica ricetta chiara del Governo Monti che non si smentisce nemmeno in campagna elettorale. Ci spieghi poi cosa sarebbe questa “autonomia responsabile”, sempre che la responsabilità non sia solo da chiedere al solito Nord e si lasci il meridione nella oramai nota governance di finanza creativa che drena ogni anno 20 miliardi di euro dal Veneto al resto d’Italia.

Perché Mario Monti, che elogia tanto la Germania, non applica in Italia lo stesso sistema tedesco di gestione del Paese seconda una logica fortemente federalista? Non mi pare che di questi tempi la Merkel stia togliendo funzioni e poteri a Monaco di Baviera per darli a Berlino, di contro questo è il progetto di Monti.

Mi duole pensare che a Belluno ci sia qualcuno che crede di poter portare una propensione autonomista dentro un’ammucchiata di centralisti ma ben presto le speranze degli stessi svaniranno. Basterà attendere qualche settimana”.

Conclude Vello: ” Riprendo lo slogan usato da Patt e dalla Svp altoatesina per queste politiche 2013: “Autonomia in Pericolo”. Questo preoccupa ancora di più chi di autonomia non ne ha mai avuta, meno di così c’è solo il suicidio economico del territorio”.

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Gentilissimo Diego, nel ringraziarti per il sostegno ai referendum che si svolgeranno tra un paio di giorni mi spiace farti notare che riguardo all’Autonomia del nostro territorio Mario Monti ha avuto più attenzioni di quelle di molti altri governo che lo hanno preceduto. Aver consentito che la provincia di Belluno venisse mantenuta in quanto interamente montana, accorpando invece Treviso a Venezia, dimostra la sensibilità verso le situazioni oggettivamente particolari. Questo vale per l’intera area alpina. La presenza di Dellai nella lista scelta civica nella quale sono candidato ē una garanzia per il bellunese ben più di quella che é stata la presenza dei parlamentari bellunesi che hanno combinato poco.
    Ma la questione centrale di questa campagna elettorale , caro Diego, non é certo solo quella Bellunese. La questione attorno alla quale poco si dibatte ma che a me interessa molto é il futuro di questo Paese che io, a differenza di altri, continuo a considerare il mio.
    Chi ha governato l’Italia fino a ieri, e non intendo Monti ma chi aveva responsabilità di governo nei decenni precedenti, ha ridotto il paese ad un ammasso di macerie. Questo é un fatto incontrovertibile e la responsabilità non ē certo di chi ha cercato di fare, e in parte fatto, ciò che andava fatto da chi lo ha preceduto.
    Non voglio descrivere quello che ē accaduto perché é storia del Paese e do per scontato che tutti siano informati ma è chiaro che se un paese come l’Italia é ridotta com’é la colpa é dello schifo fatto dalla politica.
    Mario Monti é una persona seria e questo lo fa apparire un marziano agli occhi di chi era abituato ad una classe politica di malversatori circondati da guitti adulanti e incapaci. La folla che riempie le piazze di Grillo sono la prova del livello ipogeo a cui é giunta la politica italiana e se non si é fatto un colpo di stato ē solo perché le condizioni storiche e politiche attuali non lo consentono.
    Fa ridere vedere il padrone di una banca accusare Monti di essere l’amico delle banche, fa ridere vedere un partito che del controllo delle banche ha fatto regola di vita cercare di nascondere il disastro del Montepaschi come fosse colpa di Mago Zurlì.
    E che tristezza caro Diego, vedere la Lega inventarsi per l’ennesima volta una mission quando per vent’anni da forza di governo non é riuscita a far altro che scimmiottare la peggiore partitocrazia.
    La politica italiana ha fallito caro Diego ed a nulla serve nascondere la testa sotto la sabbia e far finta che nulla sia accaduto. Il Paese, in condizioni normali sarebbe già fallito ma come le grandi banche é too big to fail perciò andiamo avanti continuando a ballare sul ponte del Titanic che va inesorabilmente verso l’iceberg che lo porterà a fondo.
    Vedi Diego, io credo che non esistano bacchette magiche che consentiranno di risolvere i problemi italiani ed europei come d’incanto. Credo invece che se la malattia é grave ed il malato é prossimo a morire allora occorre che il medico e la medicina siano il meglio che si trova.
    Nel panorama politico attuale, fino alla “salita” in politica di Monti non avrei saputo chi votare perché alcuno dei soggetti politici e dei leader presenti fino a un paio di mesi fa mi rassicuravano circa il futuro del Paese.
    Non credo che Monti farà miracoli caro Diego ma credo che ci sia di gran lunga la persona più competente e capace che ci potesse capitare. Di certo molto meglio di quelli che in questi giorni competono per ottenere il voto dei cittadini.
    Ovviamente le mie opinioni valgono le tue caro Diego e questo é il bello della Democrazia. Tu cercherai di far votare la Lega ed io invece cercherò di ottenere consenso per “scelta civica”. Gli altri partiti faranno la loro parte per vincere le elezioni e alla fine qualcuno vincerà. Tutto nella norma salvo il fatto che il Paese oggi non ha più tempo davanti a se e altri anni di festa a spese delle generazioni future non ce li possiamo più permettere.

    Con viva cordialità !
    Silvano Martini
    Candidato “scelta civica ” con Monti per l’Italia