13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 29, 2020
Home Cronaca/Politica Un grazie alla De Girolamo da Paolo Bampo

Un grazie alla De Girolamo da Paolo Bampo

Paolo Bampo
Paolo Bampo

Chiedo ospitalità per un ringraziamento ufficiale e sentito ad una persona che in questi giorni di dilagante corruzione, malcostume e delinquenza ha ricordato all’Italia intera quanto noi veneti si possa sentirci orgogliosi di appartenere ad una terra di lavoratori. Poco importa se il riferimento trascurasse gli aspetti storici (la Serenissima) o culturali (l’antichissima Università di Padova), quelli sociali (primi nel mondo del volontariato), quelli ecologici (primi nel rispetto dell’ambiente e della raccolta differenziata), dello sport, della produzione, dell’economia, dell’arte, eccetera e riguardasse, invece, esclusivamente, il mondo del lavoro nell’agricoltura (che purtroppo ci vede sì eccellere, ma non più primeggiare), l’importante è infatti che noi si debba essere riconoscenti a tal Nunzia De Girolamo per aver ricordato a tutti la natura operaia delle nostre genti.

Permalosi e poco riflessivi, pertanto, tutti quei veneti che si sono strappati le vesti all’accusa di “Veneti contadini” espressa dalla “famosa” candidata napoletana del PDL, nominata da Berlusconi forse perché è una brava danzatrice o semplicemente grazie alla propria bellezza muliebre, che la rende pertanto perfettamente idonea ad un prossimo governo di nani e ballerine.

Il contadino è una professione nobile e indispensabile. Il contadino per secoli ha tenuto in piedi l’economia. Il contadino sarà una delle professioni che il mondo riscoprirà e su cui baserà parte della “new o green economy”, per cui ancora grazie Nunzia!

Mi dispiace assai che la signorina napoletana di cui sopra, in quanto conscia della verità, non abbia potuto definire i veneti come popolo di camorristi, taroccari, borseggiatori, falsi invalidi, assistiti cronici, accumulatori di immondizia per le strade, o altre cose per cui certe popolazioni provenienti da altre terre sono invece tristemente note o temute in Italia e nel mondo. Auguro alla gentile candidata delle prossime elezioni, che ha sottolineato perciò quanto i veneti siano diversi da esempi poco edificanti di altre realtà regionali, di poter affermare altrettanto dei propri conterranei.

 

Paolo Bampo

 

Belluno , 3 febbraio 2013

Share
- Advertisment -

Popolari

Assessore d’Emilia ai commercianti del centro: «Disponibili a sostenere il Consorzio con Distretto del Commercio. Ci dicano le loro priorità»

«Siamo pronti a venire incontro alle necessità dei commercianti del Consorzio Centro Storico, basta che ci indichino le loro priorità e lavoreremo all'interno del...

Rigenerazione del Parco fluviale di Lambioi. Frison: “Ok da Roma alla modifica del progetto”

Via libera da Roma alla modifica del progetto di rigenerazione urbana del Parco di Lambioi: è infatti arrivata la tanto attesa nota del segretario...

Il Lago di Santa Croce è pronto per la stagione 2020. Strutture rinnovate e protocolli di sicurezza per accogliere turisti e visitatori 

L’Alpago non rinuncia al proprio lago e, anzi, rilancia un’offerta turistica e sportiva che potrebbe vedere nella stagione alle porte un’occasione per certi versi...

La Belluno-Feltre Run e il Palio di Feltre si fermano. Appuntamento al 2021

Niente 30 chilometri, niente mezza maratona: la Belluno-Feltre Run si ferma. Il 4 ottobre non si correrà nello splendido scenario della Valbelluna. Quella del...
Share