Monday, 18 November 2019 - 11:07
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Veneti contadini? L’affermazione della De Girolamo dà fuoco alla miccia indipendentista. Veneto Stato: “Lega traditrice, in coalizione con partiti razzisti”

Feb 2nd, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

“Le dichiarazioni sprezzanti della deputata del PdL De Girolamo, rilasciate ad Agorà su Rai Tre, segnano la svolta razzista dell’Italia contro il Veneto, con il beneplacito traditore della candidata PD Puppato che evidentemente ha più a cuore le vicende del Monte dei Paschi di Siena e del Centro Italia, di cui il suo partito è storicamente espressione, che quelle del popolo che l’ha generata e nutrita”.

Lo afferma una nota delveneto stato Movimento Veneto Stato

“La logica dell’insulto – prosegue il comunicato –  stimolerebbe a rispondere con pari stupidità, dicendo che il Veneto è un popolo di contadini nella misura in cui l’Italia intera è uno Stato di mafiosi; ma discutere con gli imbecilli è dannoso, poiché non tutti potrebbero notare la differenza.

Pertanto, nel rivendicare con orgoglio la cultura tradizionale di matrice contadina, di cui ogni veneto non snaturato deve essere fiero davanti al mondo, assieme alla gloriosa storia della Repubblica Serenissima di Venezia, intendiamo protestare denunciando tutti.

Denunciamo l’ignoranza di chi disconosce al Veneto il primario ruolo economico in tutti i settori, non solo nell’agricoltura, con le sue eccellenze industriali, commerciali, turistiche e universitarie, grazie alle quali le casse del Fisco Italiano si rimpinguano con decine di miliardi di euro annui, usati per dare assistenzialismo parassitario alla regione della Di Girolamo e a quelle contigue.

Denunciamo la volgare subalternità dei politici del PD agli interessi localistici del loro partito, che usa il Veneto solo come serbatoio addizionale dei voti necessari a corroborare il sistema corporativo e consociativo del Centro Italia: è indecente tradire la propria gente in favore degli interessi alieni di un partito che, alla luce dei fatti, sarebbe più onesto chiamare “Lega Centro” che PD.

Denunciamo infine l’infamia della Lega Nord, che ha tradito lo scopo originale della sua nascita consistente nel vecchio art.1 dello Statuto che voleva la secessione da Roma, e che tale tradimento lo compie alleandosi con liste chiamate Fratelli d’Italia o dichiaratamente meridionaliste, oltre al PdL che annovera simili razzisti tra le sue fila.

Non contenta, candida come sindaco a Vicenza una vecchia liberale che ha sempre rivendicato in pubblico di essere “una liberale prestata alla Lega Nord”, da sempre apertamente e dichiaratamente contraria all’indipendenza del Veneto.

Indipendenza del Veneto che, dato il disprezzo ostentato dagli italiani, sarebbe ora di ottenere. Questa cosa si può fare votando alle politiche, e sempre d’ora in poi fino al referendum definitivo, per VENETO STATO. Cambiare Stato si può, ce lo consente il diritto internazionale. Yes, podemo!”

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Meglio contadini veneti, che parassiti campani.