Wednesday, 11 December 2019 - 21:10
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Via al tour di Roger De Menech (Pd). Il 5 febbraio appuntamento anche con Laura Puppato capolista al Senato

Gen 29th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

roger de menech 1Roger De Menech, candidato alla Camera dei deputati del Partito democratico per la provincia di Belluno questa mattina incontra la popolazione del Cadore al mercato di Domegge e di Tai-Pieve. De Menech sarà accompagnato, per l’occasione, dai ragazzi del Pd che hanno sostenuto e sostengono la sua candidatura. L’incontro di questa mattina è propedeutico all’incontro del 5 febbraio nel quale è prevista la presenza di Laura Puppato, la capolista al Senato del Pd. Se è vero che la legge elettorale non prevede preferenze e quindi non costringe a sforzi personali, De Menech è convinto che il Partito democratico debba prendere i voti per eleggere i propri candidati. Sono stati avviati moltissimi contatti, sia per quanto riguarda l’intera circoscrizione, sia in provincia di Belluno.

De Menech confida nell’entusiasmo e nella freschezza del partito, nei tanti giovani che sono stati protagonisti anche delle primarie.

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. “Se è vero che la legge elettorale non prevede preferenze e quindi non costringe a sforzi personali, De Menech è convinto che il Partito democratico debba prendere i voti per eleggere i propri candidati” Se cosi fosse vero, non si sarebbero comportati come schizofrenici nel scegliere la posizione “assicurata” all’interno delle liste. Ah ah. Mi piacciono questi politici, mai visti, da sinistra a destra, che nei periodi di campagna elettorale sono in ogni dove. Il partito deve prendere i voti per i propri candidati? Quali candidati? Quelli scelti dal partito perchè è il partito che sceglie i candidati e/o chi far partecipare alle primarie e non il contrario.

  2. PUPPATO IERI OGGI E DOMANI.
    Puppato vuole il mare e non una pozzanghera? Mah
    Puppato, prima puppattiana autocandidatasi per la premiership e la segreteria nazionale del PD, un tonfo. Poi bersaniana per una poltrona in parlamento. Anche grillina, ma respinta dal M5s, infine civatiana, ma senza raccogliere i voti necessari per essere eletta all’ Assembla Nazionale del PD. What’s next? Diventerà renziana- demenechiana, occhettiana, barchiana o altro? Se il senato, come vuole Renzi, verrà abolito, dove andrà Puppato? A Bruxelles, cimitero degli elefanti, o ritornerà a Crocetta del Montello?
    Invio una nota critica su Puppato, un caso eclatante di ipocrisia politica. In continuazione dice una cosa e poi ne fa un’altra.
    Grazie per l’attenzione.
    Un caro saluto e buon lavoro,
    Francesco